AttualitàPersonaggiRubriche

Colori e sorrisi tra il grigio di una crisi.

sdr
sdr

Che i tempi siano “strani” per tutti è un dato di fatto ormai. Il post quarantena ha lasciato una scia di stranezza e tutt’attorno si respira aria di crisi. Oggi è piena estate, un’estate senza concerti, senza sagre, con pochissime manifestazioni e con milioni di artisti messi all’angolo. È in tempi così difficili che ci si accorge di quanto l’intrattenimento stemperi ciò che da sempre abbiamo dato per scontato; persino le hit estive alla radio restano come appiccicate a muri lontani, non potendole ballare come e quando vogliamo, come prima di tutto ciò. Lo penso mentre, proprio ferma ad un semaforo a Savona, la radio passa
“Tequila e guaranà”, di Elodie.
Ed ecco loro. Due giocolieri che nel tempo del rosso si piazzano al centro e, sorridenti, fanno andare per aria le clave da circo. 2 minuti e qualche manciata di secondi in cui vedo l’arte, vedo la vita, e la semplice felicità. Abbasso il finestrino, allungo qualche moneta e ricevo il sorriso più bello del mondo.
Mi parte “la notizia”. In una giornata carica di preoccupazioni, quei 2 minuti mi hanno aperto uno spiraglio nel mondo. Parcheggio e li raggiungo. “Vi posso intervistare?”. Eccoli.
Stefano e Giulia, 21 anni entrambe. Lui è di Genova e “fà questo da 3 anni”, lei è la sua fidanzata, di Savona, e nel lock down ha imparato tutto. Hanno anche una sorta di monociclo altissimo, che, mi dicono, si chiami “giraffa”.
“ci spostiamo un po’ in qua e un po’ in là, non vogliamo annoiare, cambiamo zona”.
Faccio loro molte domande e ad ogni risposta leggo nei loro occhi un entisiasmo che mi incanta. Sono felici di quello che fanno, lui risponde che quando dall’auto gli urlano “bravi” basta già. Hanno l’entusiasmo della meglio gioventù, quella che pensavo si fosse smarrita, in qualche vicolo cieco, negli anni ’70. Alla mia domanda “perché questo tipo di stile di vita, questo lavoro, anzi – poi mi correggo- questo stile artistico? “ Stefano mi risponde” Perché mi piace, mi soddisfa, perché ho sempre pensato a quello che non vorrei fare (e mi stila un elenco di lavori) e perché mi sento libero e felice”.
“Basta così” gli dico.
“E tu, Giulia, cos’è che ti ha fatta innamorare di lui?”
Ci pensa poco e poi mi dice che è perché sorridono insieme e godono dell’imprevedibilità di questi giorni, di questi tempi.
Lui sogna di lavorare in qualche circo e di fare cose per i bambini, come già ogni tanto accade, alle feste, alle manifestazioni. Lei… Bè… Credo a lei basti seguirlo, come fa con le clave, con amore, a un semaforo.
Ho respirato in po’ di estate e ho detto loro che saranno inseriti nella mia rubrica “le cose belle” che ho sempre immaginato e mai avviato, in cui le vite delle persone incontrate per caso, diventeranno belle storie da raccontare.
È nata adesso.
In mezzo a questi tempi grigi, con i colori di un semaforo rosso, verde e giallo.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: