Attualità

Autostrade: maledizione infinita

C’è scappato anche il morto, come si suol dire, forse in modo poco rispettoso ed è andata così, dopo giorni di confusione , di disagi , di ritardi, di spostamenti di viabilità, ieri sera, sulla A10, sul tratto tra Aeroporto e Genova Pra.  Una Honda Civic, che procedeva in direzione Aeroporto, si è scontrata frontalmente con un autoarticolato avendo invaso, secondo le prime ricostruzioni, la corsia opposta sulla quale procedeva il camion, essendo ora attuato, su talune percorrenze, il doppio senso di marcia, su di un’unica carreggiata. La vittima è un genovese di 56 anni, mentre il camionista è stato trasferito in codice giallo al pronto soccorso del Villa Scassi di Sampierdarena. Nelle prime fasi dell’incidente, alcuni automobilisti erano riusciti ad invertire il senso di marcia ed a tornare indietro. Il tratto dove è avvenuto l’incidente, come Autostrade ha precisato in una nota «era cantierizzato con corsia in deviazione correttamente installata e segnalata». A seguito dell’evento il tratto di A10  coinvolto è stato chiuso e sono state disposte uscite obbligatorie, che, in serata, hanno formato lunghe code sull’Aurelia.

Dolore e irritazione ha espresso il Presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti che cosi si è espresso: “Sono profondamente colpito e addolorato per la morte dell’automobilista genovese in autostrada, a seguito di un incidente con un camion, in uno scambio di carreggiata per i lavori in corso sulla A10 e mi stringo alla sua famiglia. Ora è il momento del dolore e non della rabbia, che comunque è tanta. Chiederemo immediatamente chiarimenti ad Aspi e Mit su quanto accaduto”.

“Le autostrade a doppio senso di marcia in un’unica carreggiata, i cantieri ovunque e in un periodo trafficato come quello estivo sono estremanente pericolosi. Lo diciamo da tempo e ieri, dopo giorni di caos, ambulanze bloccate in coda e appelli inascoltati tutto questo è costato la vita a una persona. Ed è inaccettabile e ancora più grave visto che questo incidente arriva dopo settimane di richieste di aiuto mai raccolte! La messa in sicurezza non può rendere le nostre autostrade delle trappole mortali oggi, lo diciamo invano da giorni”.

“Speriamo che dopo questa tragedia, chi di competenza metta al primo posto in agenda la questione autostrade in Liguria e faccia fin da subito un atto concreto per cambiare questo folle piano di interventi che dovevano essere finiti già da giorni, secondo le promesse del Ministero e di Autostrade. Oggi lo pretendiamo ancora di più, mentre piangiamo un’altra vittima che probabilmente si poteva evitare”.

 

Foto da Ansa Liguria

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: