C'era una volta la Serie A

C’era una volta la Serie A

Mezzo passo falso per l’Atalanta, che nell’anticipo del trentaquattresimo turno si fa bloccare sull’1-1 al Bentegodi dall’Hellas Verona dopo essere passata in vantaggio. Analogo risultato anche per il Sassuolo, che domina alla Sardegna Arena ma non riesce a chiudere la partita e finisce per farsi raggiungere da un Cagliari rimasto in 10, perdendo terreno nei confronti del Milan che, dopo il roboante 5-1 interno inflitto al Bologna, aumenta a 8 lunghezze il distacco sugli emiliani e si issa momentaneamente al sesto posto in attesa del risultato del Napoli, impegnato alle 19,30 al San Paolo contro l’Udinese.

Oltre alla sfida tra partenopei e friulani, la giornata odierna – introdotta alle 17,15 dall’incontro del Tardini, dove un Parma senza più nulla da chiedere al campionato ospita una Sampdoria in salute intenzionata ad archiviare il più in fretta possibile la pratica salvezza – propone all’ora di cena altre due gare fondamentali nel discorso relativo alla permanenza in Serie A: se Brescia-Spal riguarda, forse, solo l’ultimo posto da evitare per due squadre dalla sorte pressoché segnata, di ben altro tenore sono Fiorentina-Torino e Genoa-Lecce. Mentre al Franchi si fronteggiano due squadre galvanizzate dagli ultimi successi e decise ad allontanarsi quanto prima dalla zona calda della classifica, quello di Marassi – i liguri sono quartultimi, i salentini terzultimi, entrambe le squadre sono state sconfitte malamente nell’ultimo turno – è un autentico mors tua vita mea: chi perde, con tutta probabilità, l’anno prossimo si ritroverà tra i cadetti.

Tuttavia la “vetrina” è quella che, alle 21,45 vedrà contrapposte Roma e Inter. Due squadre fortemente determinate nel perseguire i rispettivi obbiettivi: per i padroni di casa, saldamente quinti, la certezza di un posto in Europa League; per gli ospiti, la possibilità di portarsi temporaneamente a 3 punti dalla Juventus, impegnata domani alla stessa ora nel posticipo all’Allianz Stadium contro la Lazio.
E proprio riguardo al match dell’Olimpico, il grande libro del pallone racconta di una gara – quella andata in scena la sera di lunedì 3 maggio 1999 – spettacolare e di grande tensione emotiva.
L’Inter, nona a quota 40 punti, deve riuscire a riscattare una stagione negativa, nella quale sono tanti i rimpianti per aver alternato imprese da grandissima (su tutte la vittoria a San Siro sul Real Madrid per 3-1 in Champions League) a prestazioni sconcertanti (vedi la disfatta per 4-0 sul campo di una Sampdoria destinata alla retrocessione). Il tutto condito da ben quattro cambi di allenatore: da Gigi Simoni a Mircea Lucescu, quindi a Luciano Castellini e infine a Roy Hodgson, al ritorno a Milano dopo due anni. Ed è proprio contro la Roma che inizia la seconda esperienza del tecnico inglese sulla panchina interista. Una Roma che, viceversa, vive un momento di calcio esaltante da circa due anni – da quando, cioè, è guidata da Zdeněk Zeman, maestro di calcio e di vita assurto probabilmente in quel periodo alla massima popolarità anche per le sue fresche accuse di doping nel mondo del calcio – e si accinge ad affrontare i nerazzurri con la necessità della vittoria per riportarsi a ridosso del Parma (che il giorno prima ha superato in casa il fanalino di coda Empoli per 1-0) in zona Champions League.

Entrambe le squadre optano per il tridente in attacco: Zeman schiera dal primo minuto Totti, Paulo Sergio e Delvecchio. Hodgson risponde con Ronaldo, Zamorano e Roberto Baggio.
L’avvio è subito scoppiettante: dopo un tiro da fuori senza grandi pretese di Candela al quinto minuto, ci prova Totti che, servito da Aleničev, evita Simic e conclude senza inquadrare il bersaglio.
A sbloccare il risultato, al 17’, sono così gli ospiti i quali, approfittando della difesa alta di Zeman, al primo affondo trovano la rete con Ronaldo che, lanciato in profondità da Baggio, lascia sul posto Quadrini, supera Konsel e realizza il suo undicesimo gol stagionale nonché decimo in campionato. Un gol quanto mai importante poiché l’Inter non segnava su azione in trasferta da 742 minuti.
I giallorossi accusano il colpo, mentre i nerazzurri acquistano fiducia. Baggio cerca la prodezza, ma Konsel riesce a neutralizzare la sua conclusione velenosa. Tuttavia al 22’, sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Baggio, l’Inter raddoppia: da Cauet per Zanetti che apre con l’esterno sulla destra Baggio, bravissimo a servire al centro dell’area di rigore Zamorano che sigla lo 0-2 con un tiro sporco che beffa il portiere austriaco.

L’incontro si infiamma completamente e la Roma gettatasi in avanti alla ricerca del gol che la riporterebbe in carreggiata. Al 26’ uno strattone in area di Silvestre ai danni di Paulo Sergio viene sanzionato con il rigore da Collina: la trasformazione è affidata a Totti, che non sbaglia trovando l’angolino. La quattordicesima rete stagionale – decima in campionato – del Pupone riapre i giochi.
Ma la difesa romanista ha la consistenza del mascarpone e, dopo una punizione di Baggio fuori di poco, si deve nuovamente arrendere al 35’: Zanetti, indisturbato in una prateria, serve Zamorano che brucia sul tempo Aldair e Candela, e, seppur defilato, riesce a superare Konsel con un perfetto pallonetto. Dodicesima rete della stagione per il cileno – nona in campionato – e meritatissimo 1-3 per l’Inter, nonostante il tentativo di rimonta dei capitolini al quale un super Pagliuca si oppone neutralizzando, nel volgere di due minuti, altrettante conclusioni di Candela e Delvecchio.

Nella ripresa l’Inter dimentica la concentrazione negli spogliatoi e la Roma ne approfitta. Sono passati due minuti dalla pausa quando Paulo Sergio, lasciato solo, sfrutta il perfetto assist di Tommasi (subentrato ad Aleničev al 33’ del primo tempo) e anticipa Pagliuca in uscita siglando il suo undicesimo gol. Altri due giri di lancette ed è lo stesso brasiliano a crossare per Delvecchio, che anticipa Colonnese e trova la zuccata vincente: 3-3 nel giro di tre minuti e ventiduesima rete stagionale per l’ex interista. È come se fosse un’altra partita: la squadra milanese torna a essere quella brutta delle esibizioni precedenti e per poco Delvecchio non la stende definitivamente fallendo un’altra buona occasione.

Ma la storia di questo match è avvincente. I nerazzurri, dopo i due schiaffi subiti in rapida successione, ritrovano smalto e lucidità e all’11’ colpiscono come in occasione della prima rete: Baggio lancia in profondità Zamorano che, solo davanti a Konsel, serve a Ronaldo un pallone da depositare esclusivamente in fondo al sacco. Doppietta, dunque, anche per il Fenomeno che sembra trovarsi particolarmente a proprio agio con una retroguardia allegra come quella romanista.
Un’emozione dopo l’altra: al 18’ Pagliuca compie un miracolo su una bordata di Zago con l’accorrente Delvecchio in agguato, prima di essere costretto a uscire per infortunio. Al suo posto entra il diciannovenne francese Frey, che conosce il primo brivido da un destro di Di Francesco, su servizio di Paulo Sergio, finito fuori di poco.
Lo spirito della Maggica, riuscita a recuperare una gara che sembrava totalmente compromessa al termine dei primi 45 minuti, è più vivo che mai e al 34’ frutta il 4-4. Il tentativo di tiro di Paulo Sergio si trasforma in un assist per Totti, che gira per Di Francesco: diagonale sporco e pallone che si insacca nell’angolino basso alla destra di Frey. Per il centrocampista pescarese si tratta della settima rete in campionato.
I colpi di scena si susseguono a getto continuo. Djorkaeff, subentrato al 35’ a Zamorano nelle file nerazzurre, cerca subito l’azione personale: si avvicina minaccioso all’area giallorossa e scarica un destro impressionante, ma Konsel risponde bene. In una serata così emozionante non poteva però mancare un episodio destinato a far discutere: Ronaldo segna su assist di Baggio, ma l’arbitro annulla per un fuorigioco alquanto dubbio.
Tocca alla Roma: dalla parte opposta Delvecchio ha l’occasione di chiudere i conti, ma fallisce l’impatto con il pallone. E allora, a tre minuti dal termine, è l’Inter a chiuderli: su punizione di Baggio, Simeone stacca su Tomić e autografa di testa il 4-5.
C’è tempo per un ultimo sussulto quando al 90’, su punizione di Totti, una probabile deviazione con il braccio di Djorkaeff favorisce l’inserimento di Di Francesco. Ma Frey è grande nell’intervenire di piede e il risultato non cambia più..

Con questo successo l’Inter aggancia all’ottavo posto il Bologna, sconfitto tra le mura amiche dal Cagliari per 1-3, mentre la Roma resta al quinto posto a pari merito con Juventus e Udinese, entrambe sconfitte il giorno prima rispettivamente a Salerno (1-0) e in casa contro la Lazio (0-3). Posizione alla quale giungeranno appaiate anche sul traguardo finale e, va da sé, non sufficiente a staccare il biglietto per la fase eliminatoria della Champions League alla quale, per un solo, si qualifica il Parma. I tifosi romanisti si consoleranno facendo “marameo” alla Lazio, fresca vincitrice dell’ultima Coppa delle Coppe della storia ma bruciata dal Milan nel finale della volata scudetto. Tuttavia, per i “lupacchiotti”, la realtà sportiva cittadina resta difficile da accettare. E tra un anno la sarà ancora di più.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: