Diritto... e rovescio

Diritto… e Rovescio a cura dell’avvocato Cristina Anelli

Buongiorno a tutti,
oggi parleremo della nuova carta di identità: la CIE. A seguito del D.L. n. 112/2008, la validità della carta d’identità per i cittadini italiani maggiorenni è stata fissata in 10 anni dal rilascio (3 o 5 anni per i minorenni), termine che viene prorogato, rispetto alla data riportata sul documento, fino al giorno e mese di nascita del titolare. Il rinnovo della carta d’identità può essere richiesto a partire dal 180° giorno antecedente la scadenza e la richiesta andrà effettuata presso lo sportello dell’anagrafe del Comune di residenza. Dopo la scadenza del documento, invece, il rinnovo è possibile fino ai sei mesi successivi: qualora tale termine decorra inutilmente senza che si sia provveduto al rinnovo, la richiesta della carta d’identità varrà come rilascio ex novo del
documento. Come previsto dal D.L. 125/2015 e dalle disposizioni ministeriali, dal 2019 è divenuta obbligatoria per tutti la Carta d’identità elettronica (CIE). Le carte d’identità in formato cartaceo rilasciate in precedenza rimarranno valide fino alla loro naturale scadenza. Tuttavia, il rilascio del modello cartaceo rimarrà eccezionalmente consentito solo in caso di reale e documentata urgenza per motivi di viaggio, salute, consultazione elettorale, partecipazioni a concorsi o gare pubbliche. La carta d’identità in formato cartaceo potrà essere rilasciata anche nel caso in cui il cittadino sia iscritto nell’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (AIRE). La CIE è caratterizzata da un supporto in policarbonato personalizzato mediante la tecnica del laser engraving con la foto e i dati del cittadino e corredato da elementi di sicurezza e un microprocessore a radio frequenza e consente di comprovare in modo certo l’identità del titolare, tanto sul territorio nazionale quanto all’estero, ad esclusione della verifica delle impronte per la lettura delle quali è necessario il rilascio dell’autorizzazione da parte del Ministero dell’Interno. La novità della CIE risiede nel fatto che l’operatore comunale addetto, procederà all’acquisizione delle impronte digitali dell’interessato che, se lo desidera, potrà fornire anche il consenso ovvero il diniego alla donazione degli organi. L’interessato dovrà anche indicare la
modalità di ritiro della CIE che non viene consegnata direttamente allo sportello al momento della richiesta, ma è necessario attendere la stampa dell’Istituto Poligrafico dello Stato e la spedizione al cittadino che la riceverà entro 6 giorni lavorativi dalla richiesta, presso l’indirizzo da lui indicato. Il corrispettivo per il rilascio della CIE
è di € 16,79 oltre i diritti fissi e di segreteria, ove previsti, stabiliti da ciascun Comune, comprese le spese di spedizione. A causa dell’emergenza epidemiologica dovuta alla diffusione del virus COVID-19 sul territorio nazionale, il decreto legge n. 18/2020 (c.d. Cura Italia) ha stabilito una proroga al 31 agosto della validità di tutte le carte d’identità scadute comprese le CIE rilasciate ai minori di anni tre, senza che rilevi la durata del periodo trascorso dalla data di scadenza, o delle carte in scadenza dopo l’entrata in vigore del decreto legge.
Rimarrà invece limitata alla data di scadenza del documento la validità ai fini dell’espatrio.
Avv. Cristina Anelli

Per ulteriori informazioni: avvcristina.anelli@libero.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: