Diritto... e rovescio

Diritto e… Rovescio a cura dell’avvocato Cristina Anelli

Buongiorno,
oggi parleremo di come effettuare correttamente, a Telecom, la disdetta per la fornitura di servizi di telefonia.
Prima di addentrarci tra le modalità con le quali è possibile svincolarsi da un contratto in essere con Telecom, occorre fare un’opportuna precisazione. Sovente, nel linguaggio comune, disdetta e recesso sono spesso utilizzati come sinonimi uno dell’altra ma, in realtà, sono due concetti giuridicamente molto differenti. Il recesso, infatti, è l’azione di chi si svincola da un contratto prima della sua scadenza. Si parla, invece, tecnicamente di disdetta quando il contratto si rinnova automaticamente, ma uno dei due contraenti manifesta la propria intenzione di scioglierlo alla scadenza prevista. La disdetta vera e propria da un contratto Telecom non comporta costi, ma solo l’onere, per il soggetto che intende esercitarla, di comunicare formalmente tale sua intenzione al gestore con il preavviso previsto dal contratto: tale comunicazione può essere effettuata con sia con lettera raccomandata che tramite posta elettronica certificata (non e-mail normale), indicando la propria volontà di non voler rinnovare automaticamente il contratto alla scadenza prevista. Più complesso è il percorso per recedere da un contratto con Telecom prima della scadenza: i passi da compiere variano a seconda che le condizioni contrattuali sottoscritte prevedano o meno il noleggio di un’apparecchiatura telefonica. Se quest’ultima non era prevista, ai fini del recesso è sufficiente compilare il modulo messo a disposizione sul sito internet di Telecom Italia, corredarlo della fotocopia del proprio documento di identità e inviarlo a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento all’indirizzo già inserito nel modulo stesso: la domanda è presa in esame entro 15 giorni e nel frattempo occorre continuare a pagare il canone. Se il contratto, viceversa, prevedeva anche il noleggio di un’apparecchiatura telefonica, la stessa operazione va compiuta utilizzando un modulo diverso, sempre reperibile dal sito dell’operatore telefonico. In questo caso, però, entro 30 giorni a partire dalla data di invio della raccomandata occorrerà provvedere alla restituzione degli apparecchi telefonici a mezzo pacco postale, inviandoli a un diverso indirizzo, anch’esso indicato nel modulo (Telecom Italia S.p.A. c/o Geodis Logistics – Magazzino Reverse A22 – Piazzale Giorgio Ambrosoli snc – 27015 Landriano (PV).
In alternativa è anche possibile restituire gli apparecchi recandosi presso uno dei centri Telecom a ciò autorizzati, che sono, ad esempio a Milano in Piazza Cordusio. La scelta di svincolarsi in anticipo da un contratto in essere con Telecom comporta il pagamento di costi sia per il recesso anticipato che per la disattivazione e variano a seconda del tipo di contratto sottoscritto. Se il contratto con la Telecom è stato sottoscritto fuori dai locali commerciali dell’operatore telefonico o comunque a distanza, nel termine massimo di 14 giorni dalla stipula è possibile esercitare il diritto di recesso disciplinato dall’art. 49, c. 1, lett. h) del Codice del Consumo, senza costi aggiuntivi. Quando si decide di abbandonare Telecom per passare ad altro operatore telefonico, le operazioni di disdetta possono essere affidate anche al nuovo gestore, che provvederà ad eseguirle per conto del cliente dopo che questo gli avrà comunicato il codice di migrazione con il quale la linea telefonica è individuata in maniera univoca e che può essere reperito tramite il servizio clienti. Restano comunque dovuti i costi di disattivazione e recesso e inoltre si dovrà provvedere autonomamente alla restituzione delle eventuali apparecchiature ricevute dalla Telecom in comodato d’uso. Infine, in caso di decesso del titolare del contratto, occorre inviare una raccomandata con avviso di ricevimento, sottoscritta da tutti gli eredi, con la quale va specificata la ragione che induce a risolvere il contratto e alla quale vanno allegate le copie del certificato di morte dell’abbonato e dei documenti di identità dei richiedenti.

Avv. Cristina Anelli

Per ulteriori informazioni: avvcristina.anelli@libero.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: