Le Cose Belle di Milvia Tardito

Siamo chi siamo o chi ci dicono di essere?

mde
mde

“Magari potrei essere un’abile sarta, oppure una caparbia camionista, e…se dentro me albergasse una ginnasta che non ho mai scoperto o a cui non ho mai dato voce? “
Avevo pensato, tanto tempo fa, a una frase del genere, come incipit di un racconto… Pensieri che non riesco, a volte, a buttare giù, per quanto essi mi appaiano strani. Ma ecco, una sera d’Agosto, lo spunto giusto per creare una storia su questo pensiero, una piccola cosa bella, come la mia neonata rubrica.
Lo scenario è un campo da calcetto, ad Altare, il filo conduttore è un torneo e, il protagonista, a sua insaputa nella mia mente fervida, lo diventa Federico, classe 2006.
Mentre osservo la partita resto stupita dal suo piglio. È un portiere.
Non sono neanche tanto le belle parate che mi rapiscono, ma è come incita la squadra, mentre il difensore fa barriera e l’attaccante cerca il gol. Mi viene spontaneo chiedere “ma chi è?”.
Mi risponde un ragazzino “pensa è un attaccante e sta sera fa il portiere”.
Mi parte la storia nella testa.
Lascio finire il match e chiedo di intervistarlo.
Eccolo, Federico Astigiano, un sorriso splendido, una parlantina come pochi. Mi narra del suo passato come attaccante in varie squadre locali, mi racconta di quella volta che decise di chiudere con il calcio per dedicarsi al basket e poi, di quando lo hanno messo nel ruolo di difesa.
“ma io sono un attaccante – dicevo – e, quella volta in cui in una partita manca proprio l’attaccante dico mettete me, entro e faccio una raffica di gol, addirittura in un torneo ne faccio 17 e vinco il premio come capocannoniere”.
Lui parla ed io mi beo.
Sta incarnando il mio pensiero, quello che mi perseguita da quando sono bambina.
“siamo chi ci dicono di essere o potremmo anche essere altro? “
Gli faccio mille complimenti, ha grinta da vendere, volontà e carisma.
Lui crede sia una semplice intervista, io provo a spiegargli che diventerà protagonista della mia rubrica.
Federico nella sua semplicità mi ha dato la consapevolezza che potrei anche essere un sub, una cacciatrice di farfalle, una sommelier. Lui l’ha fatto. Lui lo fa.
Questa è la storia bella dell’attaccante/portiere che con anima e cuore riesce benissimo in tutti e i due ruoli.
Magari servono le mani, di sicuro è necessaria un’alta attenzione, ma sarà perché dalla rete ho visto il suo grande cuore che oggi, Federico è diventato un mio personaggio.
Ah e comunque, anche grazie alle sue parate, la sua squadra ha vinto il torneo.
Bravo Federico, sei una bandiera di gioia!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: