Lettere alla redazione

Occorre programmare in tutta fretta: la stagione 2020/2021 è alle porte. Colla dice: “siamo già in gravissimo ritardo”.

Sarà bene, come si suol dire, “darsi una mossa”.! Ma farlo non sono certo le società sportive che attendono dalle amministrazioni-nella fattispecie l’amministrazione comunale” i diversi “0.K.” per poter programmare le attività che incominceranno il 1° settembre p.v. che, ormai, è alle porte. Occorre sapere bene quale potrà essere l’utilizzo degli impianti sportivi e delle palestre comunali ove poter iniziare l’attività giovanile anche perché’ i campionati inizieranno dalla metà di settembre. Probabilmente l’amministrazione comunale di Savona attende conferme e disposizioni dal governo che-pare-dormicchi sopra questo problema. Man mano che passano le settimane le società sportive sono in sempre crescente difficoltà dal momento che, di questi tempi, programmare non è facile: occorre però farlo in tempi brevissimi anche perché’ lo sport – oggi -senza programmazione non è per nulla attuabile. In pratica, dopo il ferragosto-ovvero tra pochi giorni – le attività
sportive per le varie discipline dovrebbero riprendere, ma nulla si sa e si conosce sull’utilizzo degli impianti sportivi senza i quali lo sport resta “aria fritta”! Siamo già in notevolissimo ritardo-dice Carlo Colla-delegato  provinciale della F.I.H. ed allenatore del Liguria Hockey: avremmo già dovuto sapere giorni ed orari per gli allenamenti settimanali e soprattutto le date per lo svolgimento di molti tornei  che attendono di essere giocati pur seguendo le regole per la buona salute di tutti. Mettere in moto la macchina organizzativa comporta molto tempo e lavoro da parte delle società sportive che non possono permettersi di perdere altro tempo: occorre far sì che la stagione agonistica 2020/2021 possa partire regolarmente e con le idee molto chiare dopo un anno che è stato “terribile” per tutti. Tutto dipende dal nostro governo, ebbene lo stesso si svegli delegando, semmai le amministrazioni comunali a prendere i provvedimenti necessari alla ripartenza: i giovani hanno bisogno di certezze come pure le società sportive. Aspettare ancora e perdere altro tempo significa partire già male mettendo a rischio ogni attività.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: