Attualità

Cairo: una sottoscrizione per San Lorenzo

La Chiesa di San Lorenzo di Cairo, con il suo campanile rosso che svetta a dominare il panorama cittadino,uno dei simboli del comune più importante della Val Bormida , verrà restaurata; la volontà è di cancellare i danni dell’incendio che, il 14 agosto scorso, ha devastato il tetto, colpendo soprattutto la parte di copertura alla sacrestia. L’intenzione di provvedere al più presto ai lavori di ripristino è estesa, dal Consiglio Pastorale della Parrocchia, a tutta la comunità di Cairo con l’invito ad una sottoscrizione per la salvaguardia di un edificio di culto sentito, ora più che mai, come “Ecclesia”, termine greco che designa l’Assemblea, e di un bene comune della Città; così si esprime in merito, il Consiglio Pastorale, con apposita nota:

“In questo difficile momento ci siamo sentiti in dovere come Consiglio Pastorale di condividere con tutta la Comunità i pensieri, le preoccupazioni ma anche la speranza e la certezza di non essere soli“.

Il triste avvenimento di questi giorni  ha lasciato la nostra comunità senza una ‘casa’ in cui ritrovarsi e dovremo affrontare questo problema anche nei mesi a venire adattandoci alle soluzioni che via via ci saranno proposte. Umanamente ci siamo sentiti ‘orfani’ di un luogo che ci ha accompagnato nei vari momenti della nostra vita e quelle mura per ognuno di noi sono importanti“.

Per ‘fare’ occorre ‘essere’, non tanto il ‘fare la Chiesa’ per ‘avere una chiesa’, ma per esprimere che ‘siamo Chiesa’. La Chiesa fatta di persone che vivono, amano, ascoltano, guardano, accolgono, piangono, condividono, gioiscono, pregano, ma soprattutto perdonano“.

Perdono per il fratello che ha commesso questo atto. Perdono che ci fa andare oltre il cumulo di cenere e fumo impressi nella mente di ciascuno. Perdono che ci fa comprendere la fragilità dell’essere umano. Perdono che non cancella il passato ma può cambiare il futuro“.

Ora è il momento di rimboccarci le maniche, come abbiamo sempre fatto, cercando di guardare verso un ‘oltre’ che profuma di speranza. La Chiesa è un modo di essere, prima che un luogo dove andare“.

Il Consiglio Pastorale ha aperto un conto corrente per raccogliere le donazioni, che potranno esservi accreditate apponendo,  nella causale del bonifico, la dicitura “San Lorenzo 14.08.20” seguita da nome, cognome e codice fiscale del donatore;  il codice IBAN del conto è “IT80T0617549331000004528080”. I fondi raccolti verranno utilizzati, oltre che per la ricostruzione, per tutte le spese accessorie che la comunità dovrà affrontare per riavere agibile la propria chiesa.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: