Attualità

Il referendum confermativo della riduzione dei membri del Parlamento: na cosa seria

Si avvicina la tornata elettorale regionale-comunale-parlamentare-costituzionale e, nella posizione dei partiti sulla conferma della revisione costituzionale riguardante la ruzione del numero dei parlamentari, ciò che è emerso di significativo è l’attestarsi, da parte della Lega e del PD ma anche di altri partiti minori, sulla linea che lascia ai propri elettori una sostanziale “libertà di coscienza”. Qualche giorno fa’, Pierluigi Battista, sul “Corriere della sera”, sottolineava tale atteggiamento  di ambiguità e di opportunismo, ben mettendo in rilievo che la “libertà di coscienza” può essere richiamata per scelte “eticamente sensibili”, come l’ aborto, o il testamento biologico o le unioni civili, meno su decisioni che comportano una posizione squisitamente politica, riguardante la Costituzione, la Legge fondamentale dello Stato ed, effettivamente, non sono quisquilie; oppure, a dispetto delle stesse pur ineccepibili osservazioni di Battista,  può darsi che la raccomandazione della “libertà di coscienza” sollevi negli elettori un maggiore senso di responsabilità, che vada oltre l’ignavia tante volte serpeggiante ed ispiri la formulazione di un voto veramente libero, scevro da condizionamenti di appartenenza o di simpatia di fazione ed operi esso la scelta sensata che, da parte dei partiti, consentire  la “libertà di coscienza” vorrebbe promuovere, ovvero il “no” alla riduzione della rappresentanza parlamentare, mentre l’opportunismo demagogico li aveva fatti aggregare a chi reclama il “taglio” in nome del risparmio, in realtà per velleità populiste dettate da un pensiero antipolitico che odia irrazionalmente ed aprioristicamente i membri del Parlamento, premessa più che sufficiente all’instaurarsi di dittatori,  in altre epoche, non nella nostra,sicuramente, ma senza che ciò lo faccia dimenticare.

Comunque non manca, da parte dei media, la risonanza che si può dare a tutto ciò che può gettare discredito sui rappresentanti politici in genere e l’affare del “bonus” di seicento euro chiesto da parlamentari e consiglieri regionali e comunali ha fatto fare di tutta l’erba un fascio e diffuso ulteriori falsità. A parte che, tra i parlamentari, sono cinque coloro che hanno chiesto il bonus – e cinque su novecentoquarantacinque sono pochi, o no? – mettere insieme con loro i consiglieri comunali che, se non hanno responsabilità di giunta, ricevono un esiguo gettone di presenza per ogni seduta del consiglio comunale, è fuorviante e indegno; pertanto un consigliere comunale che ha perso il lavoro o ha dovuto chiudere il negozio, aveva tutto il diritto di richiedere il bonus, ma è un’osservazione a margine, per sottolineare come certa mentalità vada alla ricerca di qualunque scusa per denigrare chi ricopre cariche pubbliche e non faccia distinzioni! Ciò che si vuole qui rilevare è l’atteggiamento ambiguo dei partiti, e chi era per la riduzione, come la Lega, si affida alla “libertà di coscienza” per contrastare, ora, l’ex alleato Cinque Stelle, e chi difendeva la composizione del Parlamento secondo il dettato costituzionale, come il PD, consente la “libertà di coscienza”, perchè l’ingresso nel Governo col Movimento 5 Stelle doveva ben essere stato sostenuto da qualche contropartita! Ma la “lbertà di coscienza ” ci libererà!

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: