Archivi

Attualità

Scuola italiana sempre più allo sbando: colpe certe del malgoverno e del ministero competente: ma molti presidi sono corresponsabili.

Che la scuola italiana fosse una gran baraonda non è certo una novità, trascinandosi essa da anni in un marasma dal quale non se ne vede via d’uscita, complice un governo ed un ministero della pubblica istruzione che si sono dimostrati incompetenti ed incapaci ad affrontare il problema. Il “Covid-19″ ha certamente esacerbato una situazione talmente incasinata ed ingarbugliata tale di mettere in totale crisi tutto il mondo della scuola. A pochi giorni dall’inizio delle lezioni non si capisce nulla di nulla! I banchi tanto promessi non ci sono ancora e, sull’uso delle mascherine e sulla misurazione della temperatura corporea da parte degli alunni, ci sono mille interpretazioni e discordanze. Governo centrale e regioni sono – la cosa è sotto gli occhi di tutti – in piena guerra e discordanza tra di loro: per non parlare dei docenti il cui numero è decisamente insufficiente e, peraltro, fra di loro divisi dalle diverse ideologie politiche. Anche il personale Ata e i collaboratori scolastici sono pochi, per cui moltissimi istituti scolastici si ritroveranno fin dal primo giorno di scuola in grandissime difficoltà. Ancora una volta a patire di tutto questo ginepraio saranno i cittadini che pur pagano regolarmente le tasse, meriterebbero certamente più attenzioni e considerazione da parte delle autorità. Credo che l’inizio della scuola sarà “tutto da ridere” se non da piangere.  Un’ultima considerazione personale vorrei farla sui signori presidi o dirigenti scolastici come si preferisce chiamarli. Alcuni si stanno comportando con molto senso di responsabilità, nel  rispetto delle loro competenze e dei loro limiti decisionali: altri invece, giocano a fare lo “scarica-barile” lamentandosi di tutto e di tutti e preoccupandosi soltanto di scaricare le  responsabilità che ne derivano dalla carica che ricoprono. Molti di questi, poi, sono estremamene politicizzati e seguono pedestremente le indicazioni dei loro partiti. È proprio questa seconda categoria di personaggi che non sopporto proprio ed alla quale imputo superficialità ed ignoranza. A costoro vorrei fare una domanda molto chiara: ” se avete paura di avere responsabilità o vi sentite incapaci di reggere le sorti di un istituto scolastico, perché non date le dimissioni e non tornate nelle aule a fare gli insegnanti con il misero stipendio che questi ultimi percepiscono? (credo che non saprebbero da che parte cominciare). Occorre ricordare che questi dirigenti scolastici percepiscono una retribuzione mensile che è quasi il doppio dello stipendio di un docente e, quindi, è più che giusto che si assumano le loro responsabilità. Come detto esiste certamente un grosso numero di presidi preparati e coscienziosi ai quali va il nostro rispetto ma esiste anche un altro considerevole numero di presidi che sono impreparati, e che farebbero molto meglio a cambiare mestiere. Da qui emerge ancora una volta l’inefficienza del governo e di un M.I.U.R. che non è nemmeno capace di valutare l’operato dei propri dirigenti, levando la scrivania a chi proprio non se la merita. Ho fatto l’insegnante nella scuola media inferiore e superiore per 40 anni e di presidi ne ho conosciuti e visti all’opera tantissimi.  Di alcuni ho un ottimo ricordo avendo da loro avuto molto: di altri il ricordo è certamente pessimo e, purtroppo, questi ultimi sono stati in maggioranza. Povera scuola! Sempre più a pezzi e a rotoli.! Ma a stupirmi sono le famiglie che accettano tal stato di cose senza fare e prendere posizione, contestando apertamente e, presidi incapaci.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: