Attualità

Colleferro, i massacratori del povero ragazzo

DOPPIAMENTE ASSASSINI

La riflessione sul Bene e sul Male, la loro dialettica, è una costante che attraversa il pensiero moderno, i cui prodromi risalgono a certa narrativa ( in particolar modo russa), dell’ottocento. La profondità dell’analisi che si è sviluppata su questi temi era giunta a una conclusione pressoché univoca: entrambe le categorie ( Bene e Male), sono ugualmente presenti nel sistema ” Uomo”. Non è stato forse Dante uno dei primi a mettere in luce la figura della persona per così dire ” ibridizzata”, che cerca di riscattare la sua componente oscura e miserevole, attraverso una possibile risalita verso il riscatto luminoso dell’Empireo? Tuttavia da un po’ di tempo a questa parte ( e ne è testimonianza l’aberrante assassinio del povero Willy), la malvagità umana ha assunto connotati per così dire ” assoluti”, ergendosi in alcuni casi a forsennato stile di vita, fino ad estreme conseguenze. In un certo senso vien da chiedersi ” di cosa ci stupiamo”. Se una società è attraversata comunque da forme di “violenza” ( da quella verbale degli analfabeti funzionali del Web a quella vigliacca di rappresentanti dello Stato che si accanisce sui più deboli, a quella oscurantista che gioca con la salute di noi tutti delirando su una farneticante inesistenza del Covid)), alla fin fine in questa sinistra trama, possono ben trovare spazio anche i biechi personaggi di Colleferro. I quali, facendo della violenza ( resa ancora più vigliacca dalla loro particolare maestria nelle arti marziali), un modus vivendi fondato sulla sopraffazione, smascherano la loro vera finalità, ossia la distruzione dell'”Altro”, come atto supremo di consacrazione delle loro inesistenti identità. Doppiamente assassini dunque e meritevoli dell’accusa di omicidio volontario, perché non solo hanno ammazzato deliberatamente, ma anche per il fatto che, (da quel che si evince dalle indagini), hanno stipulato un vero e proprio ” Patto del Silenzio”, del quale colpisce particolarmente l’assenza di qualsiasi rimorso, pentimento o senso di disperazione. E non è certo questo il primo caso in cui il moderno ” omicida” non cerca ( come talvolta è accaduto in passato),  una difficile “catarsi”, attraverso un qualche impulso di redenzione. In altre parole, ( vedi anche i casi di Riina o di tanti altri stragisti), il Male fatto deve essere, nella specie, rivendicato fino in fondo, come una sorta di mission, come coazione ad uccidere ispirata a un perverso senso di onnipotenza. Siamo dunque lontani anni luce dalle malvagità così magistralmente descritte da grandi scrittori, le quali si caratterizzavano per quel “Senso di colpa” ( valga per tutti lo studente Roskolnikov in “Delitto e Castigo”), il quale certo non giustifica l’atto criminale, ma esprime pur sempre l’avvilimento di una disperazione e, al contempo, la spinta a un possibile percorso di auto- espiazione.  Stati d’animo questi ultimi del tutto tabù, nel contesto dell’ignobile stile di vita e della barbara vigliaccheria degli assassini di Colleferro.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: