Archivi

Attualità

Covid: aiuto dall’Unione Europea alle imprese per i dispositivi di protezione

A dispetto di tutte le chiacchiere, le illazioni, le messe verità, più sovente le mezze falsità comunque, come già abbiamo in altre occasioni indicato, che circolano sulla rete, diventano “virali” e purtroppo influenzano l’opinione pubblica, di seguito pubblichiamo il comunicato stampa che spiega una delle misure messe in atto dall’Unione Europea proprio a nostro favore:

“La Commissione europea ha approvato un regime italiano da €403 milioni per rimborsare i costi sostenuti dalle imprese italiane per introdurre misure di protezione sul posto di lavoro al fine di ridurre il rischio di contagio nel contesto della pandemia di coronavirus.

Il regime è stato approvato ai sensi del “quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato”, la misura sarà aperta alle imprese di tutte le dimensioni attive in tutti i settori tranne quello finanziario. Il regime mira a preservare la continuità dell’attività economica durante e dopo la pandemia di coronavirus, tutelando nel contempo la salute e la sicurezza delle persone. La misura prevede il rimborso del 100% dei costi sostenuti dai beneficiari per l’acquisto di dispositivi e attrezzature di protezione individuale, conformemente alle misure introdotte dalle autorità italiane a marzo per limitare la diffusione del coronavirus nei luoghi di lavoro.

L’importo minimo dell’aiuto sarà di €500, mentre l’importo massimo sarà di €15 000 per le imprese con un massimo di 9 dipendenti, di €50 000 per le imprese che hanno dai 10 ai 50 dipendenti e di €100 000 per le imprese con oltre 50 dipendenti. La Commissione ha constatato che il regime italiano è in linea con le condizioni stabilite nel quadro temporaneo. In particolare: i) l’aiuto non supererà i €100 000 per impresa attiva nella produzione primaria di prodotti agricoli, i €120 000 per impresa attiva nel settore della pesca e dell’acquacoltura e gli €800 000 per impresa attiva in altri settori; e ii) il regime durerà fino al 31 dicembre 2020.

La Commissione ha concluso che la misura è necessaria, opportuna e proporzionata per porre rimedio a un grave turbamento dell’economia di uno Stato membro, in linea con l’articolo 107, paragrafo 3, lettera b), del TFUE e con le condizioni stabilite nel quadro temporaneo. Su queste basi, la Commissione ha approvato le misure in conformità alle norme UE sugli aiuti di Stato.

Maggiori informazioni sul quadro temporaneo e sulle altre azioni intraprese dalla Commissione per fronteggiare l’impatto economico della pandemia di coronavirus sono disponibili sui siti comunitari. La versione non riservata della decisione sarà consultabile con il numero SA.58727 nel “registro degli aiuti di Stato” sul sito web della “DG  Concorrenza” della Commissione una volta risolte eventuali questioni di riservatezza.”

E non si dica che sono soldi nostri che ce li riprendiamo, finiamola con queste battute che offendono gli opinionisti del bar,  pronunciate con acredine e arroganza da politici che si atteggiano a depositari della verità ma di cui dubitare della buona fede sarebbe d’obbligo; certo si partecipa ad una Unione sovranazionale contribuendo sennò non esisterebbero fondi e si partecipa alle politiche comuni non boicottando ma agendo insieme!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: