Rubriche

APPUNTI E DISAPPUNTI

“Il Foglio” di sabato e domenica 3 ottobre scorso ha pubblicato un articolo firmato da Pier Carlo Padoan, nel quale l’ex ministro dell’economia fa il punto sulle prospettive dell’economia nazionale, nel quadro di quella europea all’epoca del “Covid-19”. Padoan usa un linguaggio estremamente tecnico, che non è immediatamente comprensibile ai non esperti di economia. Vorrei, con questo mio scritto, provare a chiarire (per quel che posso) il pensiero di un tecnico del valore di Pier Carlo Padoan, in modo da renderlo il più comprensibile possibile. La prima preoccupazione di Padoan è che, in seguito alla pandemia, si innesti un processo di deflazione mondiale. Che cos’è la deflazione. In macroeconomia si chiama deflazione una situazione che contempla una diminuzione del livello generale dei prezzi, che genera un incremento del potere d’acquisto della moneta. La deflazione deriva dalla debolezza della domanda di beni e servizi. Rappresenta, cioè, un freno nella spesa di  consumatori e aziende, che, in regime di deflazione, sono incentivati a posporre gli acquisti di beni e servizi, non indispensabili, con l’aspettativa di un ulteriore calo dei prezzi. Ciò ha l’effetto di innescare una spirale negativa. Le imprese, non riuscendo a vendere a determinati prezzi parte dei beni e servizi, cercano di collocarli a prezzi inferiori.
La riduzione dei prezzi si ripercuote conseguentemente per le imprese sui ricavi, anch’essi generalmente in calo. Ne deriva il tentativo da parte delle imprese di ridurre i costi, attraverso la diminuzione dei costi per l’acquisto di beni e servizi da altre imprese, del costi del lavoro e tramite un minor ricorso al credito
Il fenomeno opposto si definisce inflazione. La deflazione, peraltro, non va confusa con la disinflazione, che descrive semplicemente un rallentamento del tasso di inflazione (Wikipedia).
Padoan si augura che la recessione dei primi mesi di quest’anno generi una domanda espansiva nel 2021, a condizione che gli investimenti abbiano lo spazio sufficiente per accompagnare una ripresa significativa. La ripresa degli investimenti è strettamente legata a due condizioni: a) che l’espansione della pandemia sia a livelli controllabili nei prossimi mesi; b) che l’economia pubblica abbandoni la politica dei bonus e dedichi tutte le risorse disponibili ad investimenti che amplifichino quello che Keynes chiamava “l’effetto moltiplicatore dell’investimento”. In questo senso è apprezzata dall’ex ministro dell’economia la decisione di politica monetaria della BCE. Una politica che intende stimolare l’offerta di moneta delle banche alle imprese attraverso un acquisto di titoli degli Stati in modo da creare una massa monetaria a disposizione degli investimenti pubblici. A questo obbiettivo serve anche la riduzione dei tassi di interesse. Come abbiamo scritto nel nostro articolo del 2 settembre scorso, questa è anche la proposta politica di Jerome Powell, il Presidente della FED. In quell’occasione, scrivemmo che il discorso di Powell iniziò col dire che la FED valutava positivamente i benefici di un mercato del lavoro forte, in particolare per le comunità a basso e medio reddito e l’idea che un mercato del lavoro robusto possa essere ottenuto anche a costo un aumento dell’inflazione. Obbiettivo da ottenersi, in buona sostanza, mantenendo i tassi d’interesse vicini allo zero, anche con un’inflazione in crescita.
Quello che preoccupa Padoan è che la politica ultra espansiva della BCE non possa durare all’infinito; tanto che l’ex ministro cita una dichiarazione del Presidente della Banca Centrale Europea, nella quale Christine Lagarde “…ha annunciato l’avvio di una revisione della politica monetaria della Banca Centrale …” .
Un’altra preoccupazione di Padoan è quella del Patto di stabilità e crescita *), che qualora fosse sospeso anche per il 2021 dovrà essere confrontato con l’aumento del deficit (conseguente alla pandemia) nei Paesi aderenti alla UE. Deficit che dovrà, comunque, politiche di contenimento in tempi ragionevoli.
Un’ulteriore preoccupazione di Padoan (e, forse, la maggiore di queste) è lo stato di incertezza che grava sull’utilizzo delle risorse messe in campo dall’Europa e che devono essere approvate dai parlamenti nazionali dei singoli Stati. Scrive Padoan: le risorse disponibili tramite la Rrf **) dovrebbero ammontare 670 miliardi di Euro, che aggiunte alle disponibilità del ReactEU e del Just transition fund ***) traguarderebbero la cifra di 750 miliardi.
Padoan conclude il suo articolo affermando che la dimensione delle risorse (oltre a quelle del MES, per le ristrutturazioni sanitarie e del SURE che garantisce risorse per la cassa integrazione) è tale da garantire un sostegno importante all’economia dell’ Eurozona. La spesa di queste risorse deve avvenire a condizione che esse siano subordinate a capacità di progettazione “accettabili”. Premesse queste condizioni, la spesa di queste risorse rappresenterà un contributo essenziale per coniugare la spinta generata dal rimbalzo del pil, che nel 2021 sicuramente ci sarà, è legare questa spinta ad una crescita più sostenuta e duratura. Questo quadro stabilizzerebbe il mercato riducendo l’incertezza attuale derivante dai nodi strutturali già presenti nelle economie dell’Eurozona anche prima del Covid-19, permettendo di ricostruire dell’apparato produttivo colpito dalla recessione pandemica.
(Lorenzo Ivaldo)

*) Il patto di stabilità e crescita (PSC) è un accordo internazionale, stipulato e sottoscritto nel 1997 dai paesi membri dell’Unione europea, inerente al controllo delle rispettive politiche di bilancio pubbliche, al fine mantenere fermi i requisiti di adesione all’Unione economica e monetaria dell’Unione europea. 

**) Recovery and resilience facility: investimenti UE per transizione verde e digitale

***) REACT-EU (l’acronimo in inglese significa “assistenza alla ripresa per la coesione e i territori d’Europa”) è un’iniziativa europea che porta avanti e amplia le misure di risposta alla crisi e per il superamento degli effetti della stessa messe in campo. Tra le misure adottate da Bruxelles per favorire una ripresa equa e a zero emissioni figurano il Meccanismo di transizione giusta (il JUST TRANSITION FUND), che sostiene l’uscita dalla dipendenza dai combustibili fossili nelle regioni europee che più ne dipendono, e il suo “braccio finanziario”. 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: