Attualità

La Liguria a Rimini, per la fiera turistica internazionale del TTG

Anche se il Covid torna ad essere il protagonista delle pagine dei giornali è giusto pensare alla “normalità” che, durante l’estate , si è cercato di perseguire e di ritrovare. L’Agenzia regionale per la promozione turistica “in LIguria” ha investito, l’estate scorsa, 800.000 euro per una campagna che ha portato la Liguria del turismo in vetrina sui mass media nazionali; ora l’ Agenzia Regionale  sarà presente a Rimini, dal 14 al 16 ottobre, per partecipare al TTG – Travel Trade Gazette -, il principale marketplace del turismo B2B in Italia e manifestazione di riferimento per la promozione e la commercializzazione del turismo mondiale in Italia.

Nonostante tutte le incertezze dovute alla situazione generata dal Covid, in luglio è stato attuato un confronto con gli operatori del settore e con le categorie per concordare le iniziative future, in chiave di promo-commercializzazione dell’offerta turistica ligure in vista degli accordi da siglarsi per il 2021.

Tutte le grandi fiere all’estero, come il WTM di Londra o il salone del lusso ILTM di Cannes sono state organizzate solo in modalità virtuale, con agende di appuntamenti pre-fissati. Il TTG di Rimini, l’unica fiera dove la Liguria è presente, si svolgerà in modalità mista, sia con incontri “in presenza” che con appuntamenti virtuali nei dieci giorni successivi, con i buyer d’Oltreoceano. Gli incontri quindi tra i 14 seller liguri con gli acquirenti internazionali, per pianificare il 2021 del turismo, sono garantiti. E’ questo il valore aggiunto per cui la Liguria ha deciso di essere presente per sostenere gli operatori liguri e fare da volano al comparto con uno sguardo verso il futuro.

Anche in questa fase caratterizzata dalla pandemia – afferma Pietro Paolo Giampellegrini, commissario straordinario di Agenzia ‘in Liguria’ – la componente promozionale per l’industria del turismo resta fondamentale. Occorre naturalmente calibrarla con una situazione di mercato che vede una crescita esponenziale del cosiddetto turismo di prossimità“.

Per quanto riguarda il fil rouge del TTG 2020, gli organizzatori hanno scelto “Think Human”: un tema che invita a ragionare su come innovazione, tecnologie d’avanguardia, trasformazioni sociali e avvenimenti globali possono impattare direttamente sulle persone, modificando profondamente la domanda e conseguentemente l’offerta di beni e servizi. Inclusi quelli orientati ai viaggi e all’ospitalità.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: