Attualità

La CGIL savonese esprime dubbi sull’applicazione del Recovery Fund

Ieri pomeriggio, al Palazzo della Provincia di Savona,  si è tenuta una riunione sulle problematiche legate al tema del Recovery Fund; presenti le rappresentanze sindacali (CGIL Savona, CISL Imperia – Savona e UIL Savona), il presidente dell’Unione Industriali di Savona Enrico Bertossi, il direttore dell’Unione Industriali di Savona Alessandro Berta, il sindaco di Savona Ilaria Caprioglio, il Presidente della Provincia di Savona, Pierangelo Olivieri, coi funzionari dell’Amministrazione provinciale Giulia Colangelo e Vincenzo Gareri.

A seguito dell’incontro,  il  segretario della CGIL Savona Andrea Pasa e Maurizio Buffa, Filler CGIL Savona hanno posto l’accento sulla poca incisività, secondo loro, dell’azione regionale a riguardo delle emergenze del Savonese e così si sono espressi:

La settimana scorsa la cabina di regia regionale ha predisposto una bozza di documento da presentare al Governo per accedere alle risorse del Recovery Found per la Liguria e quindi per la nostra provincia e   dal momento che dall’utilizzo delle risorse europee dipende parte rilevante della possibilità di ripresa della nostro territorio e dell’intero paese, abbiamo chiesto al presidente della Provincia di Savona e al sindaco della città di Savona, che erano presenti alla riunione regionale di poterci relazionare sui contenuti del documento e poter fornire un nostro contributo alla riunione

Oggi il presidente della provincia e il sindaco di Savona ci hanno relazionato sui contenuti del documento scaturito dalla cabina di regia regionale: 136 progetti per un budget complessivo di oltre 18 miliardi di euro che vanno dalla digitalizzazione, alle infrastrutture, istruzione, formazione, ricerca etc etc. Infine ci hanno comunicato le perplessità sui requisiti per richiedere le risorse e quindi partecipate ai bandi

Pur in un quadro generale delle risorse europee derivanti dal Recovery Found ancora da definire a livello nazionale, notiamo ancora una volta che la provincia di Savona viene considerata di serie C rispetto al resto della Liguria. Pur con molti progetti che insistono sul nostro territorio, alcuni dei quali già rimarcati anche dal sindacato confederale Savonese, ci pare però che non ci sia  una visione strategica, ma soprattutto mancano i progetti delle opere infrastrutturali per noi  fondamentali se vogliamo davvero  fare uscire il nostro territorio dall’isolamento

Manca il completamento dell’Aurelia Bis nel tratto Savona – Albenga e soprattutto il tema del potenziamento della rete ferroviaria Savona-Torino inserita tra l’altro già in un ordine del giorno votato da tutti in regione a settembre del 2019. Ancora una volta Savona e la sua provincia vengono messe all’angolo, addirittura non vengono prese in considerazione neppure le opere e proposte fatte dal territorio e alcune già discusse a livello regionale. CGIL CISL UIL di Savona, come sempre , hanno più volte denunciato il problema infrastrutturale del territorio e lo hanno fatto concretamente con iniziative pubbliche , piattaforme e documenti con le proposte consegnati direttamente ai ministri interessati e alla regione

Il “mugugno” tipicamente ligure e un certo spirito di opposizione politica pregiudiziale, che non dovrebbe allignare nelle esposizioni sindacali,  si fondono, nella posizione dei due dirigenti della CGIL, con  richiami, purtroppo sempre in primo piano,  a irrisolti problemi del savonese.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: