Archivi

Attualità

Ospedale di Cairo verso la rinascita?

“Finalmente per la prima volta nella storia recente del territorio valbormidese sul sociosanitario e sull’ospedale è stato fatto un documento di sintesi, condiviso tra i sindaci e i sindacati, per un nuovo modello di sanità per la Val Bormida”.  Con queste parole di soddisfazione il segretario generale della Cgil Savona, Andrea Pasa, ha salutato un evento “storico” per la Val Bormida ovvero la redazione di un documento unitario, cui hanno aderito tutti i diciannove sindaci della Val Bormida, per rendere l’ospedale San Giuseppe di Cairo in grado di rappresentare un presidio completo e valido per le esigenze sanitarie del territorio. Il documento, su cui ieri mattina i sindaci hanno trovato l’intesa dopo un incontro con il “Comitato Sanitario Locale Valbormida”, verrà presentato alla Regione con le proposte insieme concordate e rivolte all’ottenimento di quanto richiesto, nell’immediato ed in un termine più lungo. Tra le proposte nel breve termine  si è condivisa l’ipotesi di chiedere una seconda automedica al servizio della Val Bormida.

Così si è espresso Giuliano Fasolato, presidente del Comitato Sanitario Locale Val Bormida: “Siamo soddisfatti. Il convegno sulla sanità dello scorso 12 settembre, e il tavolo di lavoro del 3 ottobre, ha portato alla redazione di un documento unitario condiviso dalle parti in causa. Per quanto riguarda le proposte immediate,chiediamo di portate tutti i servizi necessari anti-Covid e un Punto di Primo Intervento H24. Nel lungo termine invece, un ospedale con sede di pronto soccorso e la realizzazione di alcune case salute. Un passo fondamentale per fornire una costante assistenza domiciliare”.

 

In tale contesto sembra non essere più attuale o meglio, dovrà essere ridiscusso, il progetto di affidare ad esterni la gestione dell’ospedale di Cairo

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: