Attualità

Fiori di novembre, fiori di Liguria

Profumo di fiori in questi due primi giorni di novembre, il Primo, Festa di Tutti i Santi, ed il Secondo, Commemorazione dei Defunti, anche se molti li confondono, ricordando magari che il 31 ottobre è Halloween –  ricorrenza che ha comunque tradizioni cristiane e cattoliche, come più di una volta abbiamo sottolineato –  e dimenticando, i sessantenni come lo scrivente che, sino al 1976, novembre iniziava con quattro giorni di festa a scuola, perchè anche il giorno 2 era festivo ed il 3 si faceva il ponte per celebrare degnamente il 4 novembre, fine, per l’Italia, della Grande Guerra e Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate,  la cui ricorrenza oggi, come mi rammentava un amico, è spesso, avvolta  nell’oblio e, a richiesta, per tanti, per troppi,  la memoria commemorativa ne è definita con strafalcioni e assurdità…ma lasciamo perdere e pensiamo sempre, anche con nostalgia, a queste ricorrenze quando erano più vive…comunque sentite ancora oggi, anche se si sbagliano i giorni,  ed i Cimiteri diventano giardini profumati e colorati!

Ce ne parla Coldiretti Liguria, anche per sottolineare come la floricultura figuri fra le eccellenze dell’agricoltura ligure e come quest’anno sia stato per essa di vera sofferenza: commemorare i trapassati con un fiore ha origini antichissime, come richiama l’Associazione degli agricoltori ricordando che, specie nell’antichità greca e romana, il fiore reciso portato in dono agli antenati ricordava la gioia terrena grazie ai suoi profumi e colori ma, allo stesso tempo, la caducità della vita.

Tra i fiori più adatti per l’occasione, in Liguria si può scegliere, sia in vaso sia reciso, il classico crisantemo, ovvero la “margherita dai 16 petali,  fiore che possiede, tra gli altri, un significato di vita e rinascita, mentre al di fuori dei confini nazionali è anche simbolo di gioia e prosperità. Non manca poi il ciclamino, che si produce da settembre e fin dopo le festività natalizie, e che simbolicamente allontanerebbe venti malefici e nefasti.”

“Ogni omaggio floreale è espressione di amore e memoria, e quindi ciascun fiore ligure può essere scelto per questa e molte altre occasioni. – così si esprimono il presidente di Coldiretti Liguria Gianluca Boeri e il Delegato Confederale Bruno Rivarossa  – La produzione dei crisantemi e di altri fiori autunnali è fondamentale per molte aziende liguri che, oltre a rifornire il mercato locale ed estero, esportano anche in molte regioni italiane. In quest’anno particolarmente complicato, scegliere di acquistare prodotto locale è un modo per contribuire a tutelare il settore del florovivaismo,  che nel 2020, a livello italiano, ha subito un crack da oltre 1,5 miliardi e la perdita di decine di migliaia di posti di lavoro, dai vivai ai negozi, con il blocco di matrimoni, eventi e cerimonie. Purtroppo lo tsunami ha travolto particolarmente la nostra regione a causa del blocco del mercato interno e i rallentamenti su quello estero che si sono verificati la scorsa primavera. Da salvaguardare c’è il futuro di un comparto chiave dell’economia ligure, che conta ad oggi 3.200 aziende di fiori e piante ornamentali in provincia di Imperia e circa mille nella provincia di Savona. I fiori liguri, e italiani in generale, sono  senza dubbio di qualità migliore, non solo perché non devono affrontare lunghi viaggi, ma anche perché molti produttori sono impegnati a selezionare varietà che regalano profumi più intensi e caratteristici”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: