AttualitàCultura e Musica

Sean Connery: un altro mito ci lascia

Sir Thomas Sean Connery, così appare nella presentazione biografica, il nome del grande attore ieri, 31 ottobre scomparso; un altro mito se n’è andato, è indubitabile, e, come quando, pochi anni fa’,  il secondo interprete di James Bond ovvero Roger Moore, lasciò questo mondo, il vuoto è evidente; è mancato un pezzo della storia del Cinema, un attore che quasi era confuso con il più famoso dei personaggi da lui interpretati, una vera e propria icona di personalità, di “look”, di modo di esprimersi, di charme e di eccentricità!

Sir Thomas Sean Connery (Edimburgo, 25 agosto 1930 – Nassau,31 ottobre 2020), scozzese, era pure un sostenitore dell’indipendenza scozzese, non sappiamo se per vera convinzione o se per esibizionismo (più probabilmente per entrambe le ragioni), e ciò appunto è stato visto come una contraddizione col titolo di baronetto di cui era stato insignito, che comporta la dignità di “sir”, ed era un’altra connotazione particolare del personaggio., che spesso sfilava, indossando il kilt, nelle manifestazioni nazionalistiche in Scozia.

Sean Connery ha voluto e vuol dire James Bond, personaggio creato dallo scrittore non troppo noto Jan Fleming (1908 -1964), che compare la prima volta in “Casino Royal”, intricato romanzo del 1953 – vicenda nota forse maggiormente per la divertente parodia del 1967con David Niven nel ruolo di Bond – ma la spia più celebre dell’immaginario collettivo divenne popolarissima solo dopo l’approdo al cinema, quando prese l’aspetto di Sean Connery; pare che Flaming venisse ispirato, per il suo personaggio, che comunque aveva il nome di un famoso ornitologo, da Dusan Popov, un serbo di famiglia facoltosa divenuto una spia del servizo segreto britannico, play-boy e brillante uomo di società. Forse il James Bond letterario è più schivo e introverso di quello più rassomigliante appunto alla personalità di Popov,  reso noto da Connery e dai suoi successori,  nessuno dei quali, ad eccezione di Moore, veramente convincente!

Forse Sean Connery è legato al suo personaggio in modo indelebile come Anita Ekberg a Sylvia della Dolce Vita o Peter Sellers all’ispettore Clouseau, ma il suo repertorio interpretativo è vastissimo, dall’avventura alla fantascienza al giallo, dal film storico ai generi fantastico o brillante, in una carriera cinematografica di quasi cinquant’anni che lo vide, tra gli altri, nei ruoli del padre di Indiana Jones o di Re Artù in “Il primo Cavaliere”,  rielaborazione di inclinazione intellettuale dei romanzi della “Tavola Rotonda”, con la regia di Jerry Zucker, in un Medioevo che sembra tratto dalle atmosfere della pittura di Dante Gabriel Rossetti, oppure di Frate Guglielmo da Baskerville in “Il Nome della Rosa”, senza dimenticare parti complesse e di notevole levatura drammatica in film famosi come “Caccia a Ottobre Rosso”, “Marnie” di Hitchcock, “Riflessi in uno specchio scuro”, di Lumet o “I cospiratori(The Molly Maguires)”.

Connery era figlio di un agricoltore e  camionista scozzese di origini irlandesi e di una cameriera scozzese; la sua è la vita di uno che ha fatto “la gavetta” prima di raggiungere un successo strabiliante; da muratore a lavapiatti, da addetto alla verniciatura di bare a marinaio nella Royal Navy, diventa modello, concorre al titolo di Mister Universo nel 1953 per poi accedere al Teatro ed al Cinema; sembra la vita di un personaggio da lui interpretato! Alto un metro e ottantotto e dal fisico atletico, l’affascinante Connery venne prematuramente insidiato dalla calvizie e pochi, sinora, sapevano che la capigliatura del suo inimitabile James Bond era, in parte, dovuta ad un parrucchino!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: