Le Cose Belle di Milvia Tardito

Patrizia e le risorse dell’amore

Ricevo una mail alle 2:23. Questa è la storia di Patrizia (uso un nome di fantasia).
Parla di amore semplice. Di chi da anni aspettava un fiore in mezzo al deserto. Franco gli e li regala, ogni volta che si vedono “di sfuggita”, in mezzo a un libro, tra le pieghe di un portafoglio, all’orlo di una tasca della giacca. Margherite di campo, denti di leone, primule. “Tengo tutto a seccare tra le pagine… per me hanno un valore che nemmeno immagini”.
Già, perchè Patrizia, vedova e con un passato burrascoso alle spalle in fatto di uomini, non aveva mai conosciuto le piccole attenzioni. E me lo vuole raccontare.
Che molte volte, oltre alla violenza c’è un buco nero in cui scivolano le persone sensibili e ricche d’animo, e anche se non fa male con botte o insulti, ferisce con un’arma più sottile: la gelida indifferenza.
Anni di pensieri a credersi sbagliata, a pensare di non meritare amore, ad esserci per gli altri prima che per sè stessa. Questa storia è la storia di tanti, ma è da come mi narra di quei fiorellini dati come se fossero dei diamanti che mi spinge a trasformarla in racconto del cuore. Parla del mare che guardano insieme e lo descrive al punto che lo riesco persino ad immaginare, parla di panini integrali al prosciutto mangiati in auto, come se fossero delle ostriche francesi, parla di lui che le fa appoggiare la testa al suo petto e le legge i libri. Parla di piccole cose, le cose belle. E sembra quasi che in tutto ciò, quasi, lei non avesse mai visto i colori di un tramonto sul mare. Franco le ha fatto sentire i battiti, i suoi prima di tutto. Questo tempo così grigio, in cui anche lei affronta i problemi quotidiani di un lavoro in crisi, una figlia poco più che adolescente con cui spesso si trova a scalare muri alti e dritti, ha portato a questa donna, in una notte di un qualunque mercoledì, la voglia di raccontarsi, quasi sentendosi in imbarazzo, perchè questa, dice, non è una notizia.
Io dico, al contrario, che lo è.
Lo è per coloro i quali vivono ai margini di relazioni deteriorate, per quelli soli, per quelli delusi e per quelli arrabbiati. Un soffio di speranza e d’amore in un panorama così buio non può che farmi pensare che nelle grandi crisi, come quella globale che stiamo passando, L’AMORE non sarà mai la soluzione, non basta, certo, lo so, ma sono sicura che SEMPRE potrebbe essere l’alternativa per svegliarsi un mattino all’improvviso e guardare il mondo con occhi nuovi, diversi. Non risolve, ma aiuta. Non credo che Patrizia, con questo nuovo incontro si svegli con rughe o anni in meno e neppure abbia un arricchimento sul suo conto, di sicuro tanti fiori secchi da collezionare in mezzo ai libri. Fiori che non aveva mai visto con questo nuovo sguardo, libri che non aveva mai aperto con questo nuovo cuore.
Io penso che l’amore sappia nascere anche tra vite lastricate
di asfalto e cemento, anche all’improvviso, ad ogni età.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: