Le Cose Belle di Milvia Tardito

CERCARE LE PROPRIE RADICI



Pensando a ciò che dovrò scrivere, molte volte, mi rilasso leggendo. E quando scorgo certe notizie mi batte forte il cuore.
E’ la storia di Vito, che a un certo punto non si chiama più così, perché viene affidato a una famiglia che possa occuparsi degnamente di lui, visto che la sua mamma, a quanto pare da sola, non ce la fa, in quel lontano Agosto ‘78.
E così lui, che oggi si chiama Simone e ha 42 anni, adesso vorrebbe ritrovare quella mamma naturale, visto che i suoi genitori adottivi sono venuti a mancare nel giro di poco tempo. L’appello parte dai social e di certo sappiamo, appunto, che alla nascita, all’ospedale di Albenga quel 17 agosto del 1978 fu registrato come Vito e non era il primo figlio.
Simone vive in Toscana e ha il desiderio di ritrovare un pezzo delle proprie radici, ed io lo capisco, con tutto il cuore. Sono la nipote di un nonno “trovatello” a cui le cose andarono decisamente bene. Lui venne letteralmente lasciato alla balia, sua mamma era giovanissima e scappò… E la balia in questione, già mamma di tanti bambini, di cui uno in età da latte, lo crebbe, lo amò e lo accudì insieme al marito come uno dei suoi, anzi, a sentire il racconto dei miei prozii, con un occhio di riguardo in più.
Adriano, (Pasqualino alla nascita) crebbe con amore e con un cognome nuovo, affidatogli dall’istituto, che mantenne fino a 20 anni, fino al giorno in cui….conobbe suo padre! Il modo in cui riuscì ad arrivarvi è rocambolesco e pare davvero una storia d’altri tempi, ogni qualvolta raccontava di quando andò all’ospedale e mise alle strette il frate, riuscì a sbirciare “nel librone” in cui c’erano scritti i nomi del padrino e madrina (all’epoca si battezzava subito, in ospedale) e conseguentemente arrivò all’incontro con quello “sconosciuto che lo aveva messo al mondo”, alla stazione di Savona, a me venivano le lacrime agli occhi e i brividi.
Caro Simone, ovunque tu sia, non demordere! Spera a cerca, se riesci perdona e ama quella donna che, forse, in anni difficili non ha potuto cullarti un po’.
Tifo per te che, sono sicura, avrai avuto accanto una grande donna, come fu mia bisnonna Maddalena per mio nonno Adriano che poi, sebbene ancor oggi lo dica con molto amaro in bocca e rammarico, lasciò il suo cognome acquisito e prese il suo, quello di suo padre. E se oggi io posso firmare i miei articoli con questo cognome è perché nella storia della vita di quel mio nonno (partigiano ancora in vita), il suo impeto, il coraggio e la fortuna lo hanno portato a colmare quella lacuna che a volte resta dentro ai figli adottati. Poi, per non disdegnare nemmeno quel cognome “nuovo, che non aveva nessuno” come dice ancor oggi lui e che se tornasse indietro terrebbe, me lo sono appiccicato al mio alter ego su Facebook.
Comunque sia, caro Simone, ti auguro di allargare gli orizzonti della tua famiglia, trovando il sangue del tuo sangue e molti affetti in più, perché crescere in mezzo a queste forme d’amore vaste e particolari, credimi, può essere un privilegio alla fine.
In bocca al lupo!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: