AttualitàEconomia

Impianto a gas naturale di Tirreno Power: a Vado si attende

Tirreno Power ha avviato le istanze di autorizzazione per due progetti di conversoni delle centrali elettriche di Vado Ligure e di Civitavecchia: il progetto di Vado prevede un nuovo impianto a gas naturale da 800 mw, per un importo complessivo dei lavori che si stima in circa 300 milioni di euro e che, come Tirreno Power annuncia potrebbe essere di rilievo cospicio sotto il profilo occupazionale. Con il deposito delle istanze di autorizzazione, come fa sapere Tirreno, “si avvia l’analisi della proposta che la Società ha presentato per rispondere alle esigenze contenute nel Piano Nazionale Energia e Clima del Governo Italiano (PNIEC). Il Piano individua il percorso di sviluppo sostenibile del sistema energetico nazionale nel periodo 2020-2030.I nuovi impianti che Tirreno Power sta valutando rappresentano la soluzione più virtuosa per efficienza e basse emissioni a supporto della transizione energetica che porterà a un sistema di generazione elettrica con alta prevalenza di fonti rinnovabili. Un sistema elettrico che ha attualmente necessità di impianti programmabili, capaci di garantire continuità di produzione e flessibilità operativa.Dopo aver abbandonato nel 2016 la produzione a carbone e realizzato la piena riconversione industriale del sito di Vado Ligure, Tirreno Power avvia dunque una fase di attenta valutazione di un suo possibile ulteriore contributo alla transizione energetica in due aree cruciali per la sicurezza e l’efficienza del sistema elettrico nazionale.”

Il prossimo martedì 1 dicembre si terrà, in videoconferenza, la riunione convocata dal presidente della Provincia, Pierangelo Olivieri tra la dirigenza di Tirreno Power, i Sindaci di Vado Ligure e Quiliano Monica Giuliano e Nicola Isetta, l’Unione Industriali di Savona  ed i Sindacati, per la valutazione del progetto, sul quale l’amministrazione comunale di Vado Ligure vadese si era già espressa in maniera sostanzialmente                          positiva . Contarie le associazioni ambientaliste da “Lega ambiente” a “Uniti per la Salute”; così si esprime in merito “Europa Verde”: “Il progetto di Tirreno Power pare rientrare pienamente nel piano clima del Governo italiano, che è già stato criticato a livello comunitario poiché in nessun modo rispetta gli obiettivi posti dall’Unione Europea e tanto meno vi possono rientrare la creazione di impianti a gas, che comunque si appoggiano su fonti fossili. Inoltre ha ricevuto strani giri di parole da parte di diversi esponenti di forze politiche anche del centrosinistra”.

Il gruppo di minoranza, in consiglio comunale, di Vivere Vado ha, per parte sua, diffuso la nota che di seguito riportiamo:

In riferimento al tavolo di discussione sul richiesto potenziamento della centrale termoelettrica di Vado Ligure con nuovi gruppi a gas, attivato dal presidente della Provincia e pubblicizzato dalla stampa nei giorni scorsi, Vivere Vado ritiene fondamentale che lo stesso sia aperto anche alle associazioni ambientaliste del territorio, in modo da pervenire alla massima trasparenza e confronto sulla proposta.  Sarebbe un modo per riconoscere, da parte delle istituzioni, il ruolo positivo che le associazioni hanno svolto fino ad oggi, a partire dalla produzione di informazioni messe a disposizione della cittadinanza sulle criticità del territorio” .

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: