Le interviste de L'Eco

Intervista a Rosy Buonocore titolare della pizzeria “Vecchio Borgo”: “Lavorare così è difficilissimo, teniamo duro per i nostri clienti”

Continua il nostro giro di interviste per cercare di dare più voce possibile ai ristoratori che con la pandemia del coronavirus stanno attraversando un periodo davvero duro.

“Siamo una delle categorie più colpite, il lavoro è cambiato tantissimo e in peggio ovviamente- esordisce così Rosy Buonocore titolare della pizzeria “Vecchio Borgo” di Zinola- gli incassi sono bassi e non ha senso continuare a lavorare così, io ce la metto tutta per assicurare un buon servizio ai miei affezionati clienti ma non è facile.

Moralmente siamo a terra, facciamo fatica a fare tutto sia dal sostenere le spese sia da continuare ad essere positivi perché non è per nulla facile, non vediamo una via d’uscita”.

Alla titolare della pizzeria “Il Vecchio Borgo” quello che manca tanto è il contatto con il cliente, fermarsi a fare due chiacchere tra un’ordinazione e l’altra: “E’ tutto molto pesante, noi siamo tesi, il cliente è teso si cerca sempre di accontentare tutti ma non è facile. Anche la gestione sull’asporto non è semplice. Non vedere più il locale pieno fa tristezza, non guardare più in faccia il cliente e non avere un contatto vero ma solamente dietro a mascherine e plexiglass è moralmente pesante”.

“Personalmente ho paura in ogni gesto che faccio, anche se uso tutte le precauzioni del caso lavoro con l’ansia e non è bello perché io amo il mio lavoro. Ringrazio chi fino ad oggi ci ha sostenuto, i miei clienti e non solo. Continuerò a tenere duro per voi cercando si servirvi con più gioia possibile e nel migliore dei modi”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: