Attualità

Onore a quel nobile gesto che valse il Cavalierato

Si celebra oggi un triste momento della nostra vita nazionale.Il terremoto Irpinia, alle ore 19.34 del 23 novembre 1980, un minuto di silenzio nel “cratere” che sconvolse l’ntero Paese. Sono numerose le iniziative in programma per ricordare i tragici eventi di quarant’anni fa, ed anche per tirare le somme di quanto è stato fatto e per aprire un nuovo ragionamento sul futuro.L’ anniversario del sisma conduce alla preghiera per ricordare quando gli aghi del sismografo impazzirono in quei 90 secondi di devastazione. Un magnitudo 6.9  che uccise 3.000 persone, devastò l’Irpinia, la Basilicata, la Campania intera, una parte della provincia di Foggia, provocò danni enormi e quasi 300.000 sfollati. A 40 anni da quello che è stato il terremoto più violento registrato in Italia dopo la Seconda Guerra Mondiale, si moltiplicano gli eventi per non dimenticare le vittime, i luoghi e i sopravvissuti. La Provincia di Avellino ad esempio ha ottenuto da Poste Italiane l’annullo filatelico e la cartolina commemorativa in edizione speciale.Nella città-simbolo di Balvano (Potenza) viene data per probabile la presenza del ministro Roberto Speranza alla fiaccolata nel centro storico così come nel capoluogo lucano avverrà l’ntitolazione della Sala della Protezione civile comunale a Giuseppe Zamberletti Commissario del Governo incaricato del coordinamento dei soccorsi alle popolazioni. Molti non lo sapranno ma anche da Savona in quella notte di paura (le notizie giungevano a singhiozzo vista l’epoca non ancora digitale) qualcuno, animato da vero spirito di appartenenza e da grande generosità, si mosse per dare il proprio contributo. Stiamo parlando di Renato Italo de Feo, noto personaggio da sempre più riconosciuto come “Romeo” (titolare dell’omonimo Gross Market), commerciante d’abbigliamento di lungo corso di origini campane (esattamente proviene dalla bellissima Orria, perla del Cilento).Il suo cuore corse subito ai fratelli lasciati nella terra natia in provincia di Salerno.Fu la sua una vera e propria impresa all’insegna della solidarietà.Con rapidità sbalorditiva e con l’appeal manageriale che da sempre lo contraddistingue, preparò in brevissimo tempo vari automezzi caricandoli di generi di prima necessità da lui stesso appositamente acquistati.La Prefettura di Savona lo dotò di una lettera di autorizzazione affinchè potesse muoversi in compagnia dell’amico rag. Augusto Esposto Dell’intendenza di Finanza.Infine il comune di Alassio venuto a sapere del blitz volle aggregare un’autoambulanza ed un camion onde facilitare l’encomiabile missione umanitaria. La comitiva intera giunta a destinazione fu poi per giorni ospite della famiglia rappresentata dai fratelli Gianni, Elio e Carlo de Feo.Al suo rientro l’indimenticato Presidente Sandro Pertini informato della sortita volle conferire a Romano Italo de Feo il titolo di Cavaliere.Anche noi dell’Eco vogliamo rendere omaggio al nostro prezioso collaboratore, un vero patriota italiano.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: