Attualità

Varazze dice NO alla violenza sulle donne con un video on-line

Le panchine rosse sono state pensate come simbolo di rifiuto della violenza nei confronti delle donne. Un segno permanente di memoria e speranza che, a partire dalle scuole, può diffondersi in ogni luogo delle nostre città, a Varazze è posizionata in Viale Nazioni Unite, di fronte al palazzo Comunale.

Per non dimenticare e continuare a sensibilizzare!

La Giornata internazionale contro la violenza sulle donne quest’anno assume un significato particolare e ancora più importante. Il lockdown causato dalla pandemia di Covid-19, per chi viene maltrattata in famiglia, ha coinciso con un aumento delle violenze dalle quali è stato impossibile sottrarsi anche materialmente, non potendo uscire di casa. In questo quadro, si moltiplicano le iniziative per il 25 novembre e Città di Varazze vuole sensibilizzazione all’argomento con un video.

Le parole del sindaco Luigi Pierfederici, dell’assessore ai servizi sociali Mariangela Calcagno e di Claudia Lovo a nome della Croce Rossa Italiana – Comitato di Varazze – ODV.

«L’assessore Mariangela Calcagno difendere la donna nel giorno dalla ricorrenza: “Sono rammaricata perché le restrizioni dovute alla zona arancione ci hanno impedito di svolgere appieno le iniziative che avremmo voluto dedicare in questa importante giornata contro la violenza sulle donne, proprio in loro difesa. Comunque quello che conta è l’intenzione. Siamo vicini con la mente e col cuore a chi conosce questo grave problema”

Regione Liguria:  «Sotto l’hashtag #nessunascusa contro la violenza gli assessorati alle Pari Opportunità e alla Cultura di Regione Liguria insieme al Teatro Nazionale di Genova vogliono fare riflettere sul dramma del femminicidio e della violenza contro le donne in quanto donne.  Attraverso un cortometraggio di 5 minuti, realizzato sotto la splendida regia di Davide Livermore, Regione Liguria e Teatro Nazionale di Genova scelgono la Carmen di George Bizet, una tra le opere più popolari e rappresentate al mondo, ambientandola ai giorni nostri, per trattare il tema drammatico e scottante del femminicidio, mettendo in scena la tragedia di una donna alle prese con un uomo violento che non accetta la fine di una relazione.»

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: