Cronaca

Vincenzo Bertino si conferma al vertice di Confcommercio Savona, lo sfidante Fasciolo fa ricorso

Vincenzo Bertino, a destra, in una foto d'archivio con il presidente dell'Unione Industriali Guglielmelli

Non cambia nulla, almeno per ora, ai vertici della Confcommercio della provincia di Savona.  Vincenzo Bertino, “padre-padrone” della Associazione Savonese,  82 anni compiuti il 15 aprile scorso, di Carcare, ma nativo nel vicino Piemonte, a Sale delle Langhe, in provincia di Cuneo,  alla conclusione della Assemblea Elettiva della associazione,  ne esce ancora  presidente  con l’obiettivo di poter raggiungere così i 30 anni di mandato. Si è imposto  sullo sfidante Fabrizio Fasciolo per 173 voti contro i 145 dello sfidante che ha preannunciato ricorso. Bertino, secondo  Fasciolo, si sarebbe appropriato  di 54 preferenze provenienti da quelle categorie non costituite e che quindi non avrebbero dovuto votare. Secondo Fasciolo se queste categorie non avessero votato la vittoria sarebbe andata alla sua lista.  E’ stata un’assemblea infuocata dove moltissime sono state le contestazioni da parte delle associazioni di categoria, fra cui la Fiva (Federazione Italiana Venditori Ambulanti)  che aveva chiesto di posticipare le elezioni al 2021, e cercare una candidatura unitaria. Vedremo in seguito come andrà a finire. Intanto Bertino, che è anche vice presidente della Camera di Commercio Riviere della Liguria che ha accorpato quella di Savona, Imperia e La Spezia,  da lunedì  dal suo ufficio di corso Ricci inizierà a lavorare per il futuro della Confcommercio Savonese consapevole della spaccatura che ha all’interno della associazione. In attesa, se arriverà, il  reclamo da parte di Fasciolo, Bertino cercherà di ricomporre le associazioni di categoria, obiettivo difficile ma non proibitivo per un uomo di grande esperienza come lui.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: