AttualitàCronaca

Clima folle o follia da clima? Non fate figli, saranno produttori di emissioni di carbonio!

Nelle considerazioni che lo scrivente, di tanto in tanto, esprime sulla teoria del cambiamento climatico, considerata ormai  un dogma pur non essendolo  affatto, mi si consenta, lo stesso ha ritenuto più di una volta come l’attesa dell’apocalisse preannunciata dai dervisci del “global warming – riscaldamento globale” sia, curiosamente, piacevole per molti che, non appena spunta un raggio di sole, ben lungi dal disperarsi e dallo stracciarsi le vesti se ne vanno al mare,  nei tempi del “warming” più di moda della montagna e le vesti se le stracciano appunto per mettersi in costume da bagno;  e se, da noi in Liguria, ai bei tempi prima del maledetto Covid, durante l’inverno si verificava un fine settimana, anzi serviamoci della locuzione  inglese che esprime meglio il concetto, un “week-end” soleggiato, alla sera della domenica la corsia in direzione Voltri della A10 era un serpentone di fari accesi, spesso incollonnati! Però sbagliavo, quando si deve è giusto ammetterlo, in parte, ma sbagliavo. Alcuni quotidiani nazionali, il Corriere della Sera in particolare, pubblicava qualche giorno fa la notizia di uno studio condotto negli Stati Uniti, dai risvolti sorprendenti; cito, per spiegare, dal sito  “Green Me”, “magazine di benessere, alimentazione e salute naturale, green living, turismo sostenibile”:

“Un’indagine condotta su 600 persone ha rilevato che alcuni genitori si pentono di avere avuto dei figli, figli che vivranno in un mondo devastato dai cambiamenti climatici. Si tratta del primo studio accademico che ha dimostrato quanto le persone siano preoccupate per la crisi climatica al punto da decidere di non avere figli per il timore che la loro prole debba affrontare una sorta di apocalisse .

L’analisi, un’indagine quantitativa e qualitativa, ha coinvolto 607 americani di età compresa tra 27 e 45 anni. Mentre il 59,8% degli intervistati ha dichiarato di essere “molto” o “estremamente preoccupato” per l’impronta di carbonio della procreazione, il 96,5% ha riferito di essere “molto” o “estremamente preoccupato” per il benessere dei propri figli esistenti, attesi o ipotetici in un mondo colpito dai cambiamenti climatici.

Ciò è in gran parte dovuto a un‘aspettativa estremamente negativa del futuro. Erano soprattutto gli intervistati più giovani i più preoccupati per gli impatti sul clima che i loro figli avrebbero dovuto subire rispetto ai più anziani.

Secondo gli intervistati, avere un figlio significa potenzialmente che la persona continuerà a produrre per tutta la vita emissioni di carbonio che contribuiscono all’emergenza climatica. Era questo il timore condiviso dal 60% degli intervistati:

Secondo gli autori dello studio, il numero di persone che prendono in considerazione il cambiamento climatico nei loro piani riproduttivi è destinato a crescere visto che l’impatto del riscaldamento globale è diventato sempre più evidente.”

Qualcosa di simile, nelle memorie storiche, per quanto minimizzato da autorevoli studiosi come Alessandro Barbero, si può ravvisare nella famosa grande paura dell’anno 1000, quando avrebbe dovuto finire il mondo, fermo restando che di certo anche allora, nell’anno 999, sarà divampata la contesa se il secolo ed il Millennio finissero, con il contestuale succedere dei nuovi secolo e Millennio, alla mezzanotte fra il 999 ed il 1000, oppure alla mezzanotte tra l’anno 1000 e l’anno 1001, come noi, che c’eravamo, siamo stati lacerati dalla stessa aspra diatriba se il passaggio del millennio fosse alla mezzanotte fra il 1999 ed il 2000 oppure fra il 2000 ed il 2001: disputa poi passata e rimasta, come in tutti le altre simili occasioni, irrisolta!

Comunque, oltre ad attestare che la follia è un aspetto incontrovertibile della personalità umana, come il genio cui spesso è, non a caso, accostata o, se volessimo utilizzare un modo di esprimersi più del passato, potremmo affermare che questi sarebbero i “perniciosi effetti” legati alla credenza nel cambiamento climatico, se le conclusioni di quello studio sono vere ed attendibili, realmente c’è da pensare alla volontà dell’uomo di autoestiguersi,  in un modo che darebbe ragione a chi sosteneva che l’Umanità non sarà travolta da un cataclisma di proporzioni colossali, come la spaventosa tempesta solare del film “Segnali dal futuro”, o come l’ “immenso calore” cui pensava il grande musicista Alexander Scriabin,ma si spegnerà come una candela, nel silenzio e senza spettacolarizzazione dell’evento finale e, mi dispiace – ma non tanto – per  tutti i catastrofisti,  il giorno dopo il sole sorgerà ancora, da qualche parte della nostra Terra splendendo, da qualche altra parte offuscato dalle nubi portatatrici di pioggia e pertanto di acqua necessaria alla nostra esistenza, ma sorgerà, e sulla nostra Terra silenziosa non ci sarà più nessuno a ricordare che il clima evolve, cambia, si adatta, muta e ritorna e che forse il complesso degli eventi ad esso legati è troppo lungo, dell’età della Terra,  e troppo”complesso” esso stesso,  per poter essere veramente compreso da rilevazioni e calcoli, pur sofisticati – mah!- eseguiti nell’arco di pochi decenni! Magari sopravviverà Greta Thunberg, ormai grande e pertanto interlocutrice maggiorenne, con le altre bambine prodigio del momento climatico ed ambientale: come la giovanissima indiana Licypriya Kangujam, otto anni, che i giornali ed i siti già definiscono “attivista”, mentre forse ci sarebbe più da pensare alle bambine di una volta che giocavano a “fare le signore”, oppure Gitanjali Rao, quindicenne di Denver, Colorado – USA – “kid of the year” della rivista “Time”, inventrice, tra l’altro, così leggo –  quindi chissà cos’altro ha inventato! – di un dispositivo in grado di identificare il piombo nell’acqua potabile e di un’applicazione e un’estensione di Chrome che utilizza l’intelligenza artificiale per rilevare il cyberbullismo; magari il futuro è proprio, a dispetto anche mio, di queste bambine, che speriamo rimangano tali anche da grandi!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: