Cultura e MusicaPersonaggi

Oggi la Chiesa ricorda Santa Maria Giuseppa Rossello

Santa Maria Giuseppa Rossello, al secolo Benedetta, è stata una religiosa italiana, fondatrice della congregazione delle Figlie di Nostra Signora della Misericordia; è venerata come santa dalla Chiesa cattolica.

Benedetta nasce ad Albissola Marina (Savona) il 27 maggio 1811. Era la quartogenita di una numerosa famiglia composta da dieci fratelli; i suoi genitori, credenti e caritatevoli, erano modesti fabbricanti di stoviglie. La sua causa di beatificazione fu introdotta a Roma il 23 luglio 1924. Venne beatificata il 6 novembre 1938, dopo l’opportuna indagine e il riconoscimento di due miracoli operati a due sue suore dell’Istituto: suor Maria dello Spirito Santo e suor Paolina Dameri.

Muore a sessantanove anni di età, il 7 dicembre 1880, nella casa madre in Savona, colpita da complicazioni cardiache che avevano già minato la sua costituzione duramente provata dal tanto lavoro. Morì in concetto di santità e fu sepolta nel cimitero cittadino. Poi, nel 1887 la salma fu trasportata nella casa-madre. Maria Giuseppa Rossello fu canonizzata da Pio XII il 12 giugno 1949. In tal caso furono probanti i miracoli riconosciuti nelle guarigioni prodigiose di Teresa Rocchi in De Negri e di Pietro Molinari.

A lei è stata intitolata la parrocchia savonese di santa Maria Giuseppa Rossello alla Villetta.

La festa liturgica come Solennità ricorre il 27 maggio data della sua nascita e del suo Battesimo. Il corpo incorrotto si venera, oggi, nella Cappella della Casa Generalizia a Savona, mentre il suo cuore, custodito in una teca di cristallo, è venerato nella cappella della Casa Madre, sempre a Savona.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: