AttualitàEconomia

Piaggio: successi tra le angustie

La flotta completa dei P.180 Avanti, il velivolo di punta di Piaggio Aerospace, ha effettuato un milione di ore di volo, corrispondenti a più di 114 anni senza sosta se a volarle fosse stato un singolo aereo, da quando, nell’autunno del 1986, il primo esemplare di tale aeromobile decollò dall’aeroporto di Genova.

Portabandiera dello storico momento è stato il prototipo immatricolato I-PJAR, ancora oggi adibito ad attività sperimentali e noto pure con il numero di serie NC1002: il velivolo, coi colori di una livrea creata appositamente per celebrare l’evento, è stato immortalato da un video [https://tinyurl.com/PAero-1-milione-ore-volo-P180] girato sulla costa ligure a bordo di un P.166 a pistoni, un “Piaggione” restaurato dall’Associazione I Fenicotteri di Roma.

Il Commissario Straordinario di Piaggio Aerospace, Vincenzo Nicastro, ha in proposito affermato: “Il raggiungimento del milione di ore di volo è un passaggio nella storia dell’azienda che assume in questo periodo un valore anche simbolico. Esattamente due anni fa, quando nel dicembre 2018 ho assunto il mio incarico, l’azienda sembrava vicina al collasso. Se pur in un contesto economico estremamente negativo, siamo invece riusciti a riportare Piaggio Aerospace alla piena operatività, preservando così posti di lavoro e un marchio ultracentenario. Ora ci auguriamo di trovare presto un nuovo proprietario, che, forte anche del ricco portafoglio ordini che riceverà in dotazione, sappia ridisegnare il futuro della società”.

Il P.180 Avanti, che nella sua terza versione ha assunto il nome di Avanti Evo, è stato progettato agli inizi degli anni 1980 da un gruppo ingegneri coordinati dal progettista aeronautico Alessandro Mazzoni. L’obiettivo era ambizioso, tanto da sembrare quasi irraggiungibile: creare un bimotore a turboelica – normalmente più lento degli aerei a reazione – che potesse raggiungere la velocità di un jet di dimensioni comparabili, ma mantenendo costi operativi più bassi. Il risultato è andato oltre ogni aspettativa. La soluzione aerodinamica a tre superfici portanti – ancora oggi ineguagliata a livello mondiale – ha contribuito a renderlo il turboelica più veloce al mondo ma con costi di gestione inferiori del 40% rispetto a jet di simili dimensioni, mentre la soluzione a motori spingenti e la particolare fusoliera hanno consegnato alla storia dell’aviazione una aereo dotato di cabina ampia, silenziosa e confortevole come poche.

Un’ottimizzazione delle prestazioni che si riflette inoltre nell’estetica del prodotto, da tutti considerato uno degli aerei più “cool” al mondo. I velivoli P.180 complessivamente costruiti da Piaggio Aerospace sono 246, dei quali 213 sono attualmente in servizio nei cinque continenti: 95 sono operativi nelle Americhe, 96 in Europa, 18 in Asia Pacifico e 4 in Africa e Medio Oriente. L’esemplare di P.180 che segna più anni di servizio è noto internamente con il numero di serie NC1004 ed è tutt’ora operativo negli Stati Uniti, mentre a contare più ore volo è il NC1007 (in servizio in Canada) con oltre 11 mila flight hour. Sono intanto in diverse fasi di esecuzione ordini per ulteriori 13 velivoli.

Tra i primi ad essere consegnati, l’Avanti Evo ordinato da un importante cliente orientale, il cui contratto definitivo è stato perfezionato proprio in questi giorni: si tratta di uno dei più grandi operatori privati dell’area, che utilizzerà il nuovo Avanti EVO sia per trasporto persone sia per pattugliamento e come aeroambulanza.

La settimana scorsa, infine, il team di produzione ha raggiunto un’importante traguardo nella realizzazione del primo velivolo destinato a essere consegnato all’Aeronautica Militare, punto di arrivo noto in aeronautica con il nome di marry-up: sono state ovvero prodotte e assemblate le tre componenti principali del velivolo (deriva, fusoliera e ali), ora pronto all’installazione di impianti e comandi di volo.

Sorprende veramente ed amareggia che un’industria come la Piaggio, leader nel settore aeronautico, che può vantare simili specialità, abbia trascorso e trascorra ancora un periodo di crisi così tormentato.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: