Rubriche

APPUNTI E DISAPPUNTI

L’elezione del Presidente degli Stati Uniti da parte dei “Grandi Elettori”

(di Fabrizio Ivaldo)

Dopo le due decisioni della Corte Suprema, che ha dichiarato inammissibili sia il ricorso del comitato elettorale di Donald Trump sulle operazioni di voto in Pennsylvania sia il ricorso del Texas che chiedeva di escludere dal conteggio globale il voto di quattro stati fra i più contesi, Joe Biden si avvia a diventare ufficialmente il 46° presidente degli Stati Uniti.
Per la proclamazione ufficiale mancano ormai solo due passaggi più che altro formali: il voto da parte dei Grandi Elettori, previsto per il 14 dicembre, e la proclamazione ufficiale da parte delle Camere in seduta comune, che avverrà il 6 gennaio.
Ad ogni elezione presidenziale non mancano mai riflessioni e discussioni su questo sistema, apparentemente eccentrico e anacronistico, che vuole il Presidente formalmente eletto da un ristrettissimo collegio di grandi elettori (oggi 538). Nel suo celebre saggio La democrazia in America (scritto nel 1835) Alexis De Tocqueville loda questo sistema, pensato dai Padri fondatori perché l’elezione del Presidente fosse da un lato sottratta alle passioni e alle tensioni di un’elezione popolare (che oggettivamente, con i mezzi della fine del XVIII° secolo, avrebbe presentato anche problemi logistici non indifferenti) e dall’altro lato non fosse attribuita alle Camere, in un’ottica di chiara separazione fra i poteri dello Stato. Va però detto che a 232 anni di distanza dalla prima elezione l’evoluzione storica e normativa ha trasformato il collegio elettorale in qualcosa di molto diverso rispetto al disegno originario.
Basti pensare che in origine solo pochi Stati facevano scegliere del popolo i grandi elettori, mentre la maggioranza di essi era designata dalle legislature statali: solo a partire dalle elezioni del 1828 il metodo dell’elezione popolare fu quello utilizzato in maniera pressochè esclusiva e generalizzata.
Dal momento che ogni stato elegge tanti Grandi Elettori quanti sono i parlamentari ad esso assegnati, e poiché i deputati sono ripartiti fra gli stati in proporzione alla popolazione mentre i senatori sono due per ogni stato, di fatto gli stati meno popolosi risultano leggermente sovra-rappresentati; per contro, il fatto che in 48 stati su 50 il candidato presidente che ottiene la maggioranza, anche relativa, dei voti si vede assegnati tutti i Grandi elettori dello stato fa sì che fare risultato negli stati più popolosi sia determinante per il successo finale.
Ovvia conseguenza di questo sistema è che può benissimo succedere che un candidato ottenga la maggioranza del voto popolare ma perda nel collegio elettorale, a causa della sconfitta di misura in uno o più stati fra i più importanti. Dal 1828, cioè da quando il voto popolare è pressoché l’unico sistema di designazione degli Elettori, questo è accaduto in effetti in quattro occasioni (1876, 1888, 2000 e 2016: curiosamente, tutte e quattro le volte a danno del Partito Democratico).

Il voto popolare ha assegnato a Biden 306 Grandi Elettori e a Trump 232: ben difficilmente il risultato che uscirà dalla votazione di lunedì prossimo sarà diverso. I grandi elettori designati dai partiti a rappresentarli sono ovviamente persone da cui ci si aspetta fedeltà. In pratica, ogni partito indica come propri Elettori in ogni stato membri del comitato elettorale, eletti locali, rappresentanti di associazioni o comitati vicini al partito: dunque tutti teoricamente attivisti di provata lealtà.
Non di meno, la tentazione di qualche voto (magari “di protesta”) in difformità rispetto al mandato ricevuto è sempre dietro l’angolo, anche se in verità in oltre duecento anni i casi di “elettori infedeli” siano stati un numero trascurabile. A scanso di equivoci, comunque, negli ultimi anni la maggior parte degli Stati ha introdotto per legge un vero e proprio vincolo di mandato, ossia l’obbligo per i Grandi Elettori di votare per il candidato ufficiale del loro partito; per assicurare il rispetto di questo vincolo, laddove è stato introdotto, il voto avviene in modo palese e, qualora un elettore dovesse votare in modo difforme rispetto al proprio impegno, può essere obbligato a ripetere il voto o può venire sostituito seduta stante da un supplente che voti al suo posto.
Questo modo di procedere è stato peraltro ritenuto perfettamente legittimo dalla Corte Suprema, che ha altresì avallato le legislazioni di quegli stati che puniscono con una sanzione pecuniaria gli elettori che non si attengano alle disposizioni ricevute.
Proprio l’esistenza di questo vincolo di mandato rende inutile organizzare una riunione plenaria del Collegio Elettorale, e per questo gli elettori di ogni stato si riuniscono e votano separatamente nelle rispettive capitali. Di regola, negli stati con pochi elettori la procedura si svolge in modo rapido e informale, tutti seduti intorno a un tavolo, mentre in quelli con più elettori si utilizza l’aula del parlamento locale e non si perde l’occasione per quelle tipiche espressioni un po’ pompose tipiche del patriottismo americano: discorsi iniziali , scolaresche invitate ad assistere, bambini che cantano l’inno nazionale, meditazioni affidate a ministri di varie confessioni religiose e così via.
In questo contesto, non stona la presenza fra i Grandi Elettori anche di qualche “vip”: per esempio, quest’anno fra coloro che esprimeranno il voto per lo stato di New York ci saranno anche Bill e Hillary Clinton, che potranno così prendersi la soddisfazione di una piccola rivincita personale nei confronti di Trump.

Una volta che i Grandi Elettori hanno votato, ciascuno Stato invia a Washington un verbale che attesta il risultato della votazione. Il 6 gennaio le nuove Camere appena insediate terranno una seduta comune in cui si darà lettura dei verbali e si proclamerà formalmente l’elezione del nuovo Presidente, che si presterà giuramento e si insedierà, come previsto dal XX° emendamento della Costituzione a mezzogiorno del 20 gennaio.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: