AttualitàEconomiaPolitica

Coronavirus e ricaduta sul settore Outdoor: ne abbiamo parlato con Giorgio Scarrone dell’ agriturismo “A Ca’ de Alice” di Finale Ligure

Outdoor, termine che tradotto dall’inglese significa all’aperto, all’aria aperta: an outdoor, uno sport all’aperto. Trekking, arrampicata, mountain bike, hanno una loro patria naturale nel Finalese, in un territorio unico dal punto di vista naturalistico e paesaggistico, che con le sue strutture ricettive contribuisce a garantire un turismo sostenibile ed emozionale, in grado al tempo stesso di tutelare il territorio. Inoltre nelle giornate in cui non si può per avversità meteorologiche praticare attività all’aperto, la vicinanza alle città e ai paesi della costa e dell’ entroterra offrono una rete museale e culturale di grande prestigio.

Ne abbiamo parlato a margine di un iniziativa organizzata dalla Lega Giovani di Savona, su tematiche legate al riscatto di un territorio duramente colpito dal Covid a livello economico, sociale e sanitario che si è tenuta nella giornata di sabato 12 dicembre, con Giorgio Scarrone, che oltre a essere il titolare dell’azienda agrituristica “A Cà de Alice” di Finale Ligure  è anche uno dei portavoce del gruppo autonomo degli agriturismi dell’outdoor e delle aziende agricole Savona.

Qual’ è al momento la situazione che stanno vivendo le vostre attività ?

“Ad oggi le strutture ricettive si trovano in una grave situazione di emergenza legata al COVID e alla ricaduta che questa ha avuto in termine di presenze numeriche e di prenotazioni in zona. Nonostante sia stato scritto e detto più volte, che l’attività sportiva all’aperto è meno innocua dal punto di vista del contagio e che fare sport fa bene alla salute tanto del corpo che della psiche ed è per questo fondamentale in una situazione come quella attuale, in cui non solo occorre mantenersi sani e in forze, ma anche salvaguardare il proprio equilibrio psicologico di fronte alle incertezze e alle paure causate dall’epidemia,le ulteriori restrizioni in materia di spostamenti tra comuni e regioni hanno maggiormente penalizzato tutto il comparto.”

Quali altri settori della zona stanno vivendo la stessa situazione ? 

“Tutto il paese e il mondo intero stanno vivendo una crisi economica  senza precedenti dal dopoguerra ad oggi , un altro comparto che è stato fortemente penalizzato, anche dalle  ondate di maltempo,  è quello del settore agricolo e delle aziende ad esse collegate, l’auspicio , non solo mio, ma da parte di tutti è che in un breve periodo, che ci auguriamo più veloce possibile, si possa uscire da questa situazione perchè le risorse delle nostre casse iniziano davvero a scarseggiare.”

Cosa può offrire in particolare la zona che circonda la sua azienda ai visitatori e ai frequentatori che scelgono di soggiornare da lei ? 

“Sicuramente offriamo a chi viene da noi per fare attività di arrampicata la bellezza a livello mondiale delle pareti di roccia , per chi sceglie di percorrere sentieri per la camminata e la mountain bike, la vasta scelta di sentieri e di piste adeguatamente segnalate e poste costantemente in massima sicurezza, con l’obbiettivo e l’augurio da parte di tutti noi di rimanere ad  essere sempre operativi sul territorio per salvaguardare questa risorsa naturale per l’ intero territorio”.

Progetti per il futuro ?  

“Tantissimi come sempre e da mettere da subito in atto appena si potrà uscire e scrivere la parola fine all’emergenza coronavirus, confidando come sempre nell’ aiuto che istituzioni, privati, comuni, assessorati e in particolare Regione Liguria hanno sempre saputo darci.”

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: