AttualitàPersonaggi

Sonia Kertalli, la studentessa savonese a Berlino per studiare l’avanzamento dei tumori polmonari

Una savonese in terra tedesca per cercare un futuro migliore da donare agli altri, è il caso di Sonia Kertalli dottoranda della prestigiosa “Berlin School of Integrative Oncology”.

Sonia è al primo anno del dottorato in Molecular Oncology (oncologia Molecolare) dove svolge un lavoro di ricerca importantissimo: “Faccio ricerca nel campo dell’oncologia molecolare- esordisce la studentessa- nello specifico mi occupo di adenocarcinoma polmonare e cerco di studiare meglio i meccanismi che portano le cellule di questo tipo di tumore a formare metastasi. Studio, quindi, l’evoluzione del tumore  e cerco di capire come mai alcuni rispondono meglio alle terapie e altri meno.

Ho frequentato il Liceo Scientifico Orazio Grassi di Savona, perché io sono nata nella cittadina ligure anche se i miei genitori sono albanesi, ma non fatto il corso tradizionale ma quello chimico biologico poi ho proseguito questi studi frequentando la triennale in biotecnologie presso l’Università di Genova. Da lì è iniziato il mio rapporto con la terra tedesca- prosegue Sonia- perchè sono partita per Lipsia per svolgere il mio tirocinio per la tesi triennale grazie alla borsa Erasmus. Durante questi mesi ho capito che mi sarebbe piaciuto continuare il mio percorso di studi, con una laurea magistrale, all’estero per poter ampliare il mio bagaglio. Pensavo che un’esperienza fuori dall’Italia mi avrebbe arricchito sia dal punto di vista professionale che personale e così è stato, sono cresciuta molto.

Di conseguenza ho fatto domanda per entrare in questo programma di master internazionale con persone che vengono da tutto il mondo e alla fine mi hanno presa. Nello stesso laboratorio dove ho fatto il tirocinio per scrivere la mia tesi magistrale, in seguito, mi hanno offerto il posto per poter lavorare al progetto per un dottorato di ricerca, quello che sto facendo, e ho accettato così, alla fine, rimarrò in Germania per minimo altri due anni.

La biologia mi ha sempre appassionato perché ha mosso dentro di me l’esigenza e la curiosità, visto che sono una persona molto curiosa, di voler sapere sempre di più e di capire quali sono gli eventi che stanno alla base della vita di un organismo umano. E’ un tipo di scienza che possiede una totalità perché studia lo sviluppo di un essere vivente ma anche la sua composizione biochimica, l’anatomia e la fisiologia visto che, nonostante le tecnologie all’avanguardia che abbiamo, non si è ancora fatta scoprire del tutto, ecco questo mi affascina molto. Spero con la nostra ricerca che stiamo facendo io e i miei compagni di dare speranza alle persone che lottano contro i questo tipo di tumori.  Un saluto a tutti i lettori dell’Eco di Savona e a tutta la mia città che mi manca molto ma, se tutto va bene, presto tornerò un po’ a casa”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: