Dal Pensiero alla Penna

Fotografando un’eco di passato.

Il coraggio così unico e perfetto se condiviso.

Portatrici di luce di allora e di adesso.

Le nuvole inzuppate di storie e pioggia e d’acqua si muovono in silenzio creando, per chi dal basso le osserva, immagini fantasiose e momenti d’unione, in questo periodo storico, che offusca le emozioni.

Nuvole portatrici, coraggiose nel loro peregrinare e nell’osare al pari delle donne carniche con la loro gerla carica di munizioni, medicine o viveri per gli alpini combattenti .

Donne che assolti i loro compiti e doveri di lavoratrici nelle stalle e di mamme nelle loro case, si incamminavano su verso la vetta difesa dai soldati italiani posizionati nelle trincee al confine con l’Austria. Un tratto di montagna, Tolmezzo e le sue valli tormentate dalla fatica, dal sudore, dalla paura , dall’orgoglio e dall’infinita umanità fatta di chi, comunque resta, con un’assoluta abnegazione e resilienza.

Figure realmente esistite, forti, tenaci, capaci di sacrificarsi in virtù di una libertà accorata e ricercata tra le alpi fatte di ghiacciai, cascate, rocce e buie gole.

Volontarie che si esponevano quotidianamente al pericolo, spesso chiamate nelle ore notturne, con carichi di 30-40 kg sulle spalle in equilibrio sulle gambe e nel profondo del cuore frustato dagli orrori della guerra. In seguito furono ricompensate con una lira e cinquanta centesimi a viaggio: l’equivalente di circa 4 euro odierni.

La grande storia della prima guerra mondiale dimentica la piccola storia che si intreccia e si dipana su sentieri impraticabili lontani da villaggi abitati spostandosi mille metri più in alto, sulle alpi attraverso tracciati segreti e difficoltosi.

Parliamo di donne semplici, di braccia e menti umili, capaci di arrampicarsi  dove neppure i muli riuscivano con ai piedi dei semplici scarpetz (tipiche calzature di stoffa leggera) aggrappate alle loro paure vinte con la pietà e la compassione per quei soldati che altrimenti sarebbero morti di fame e di malattia.

Vicende epiche tra le cime ed il fragore di chi non si arrende e non sta fermo mai, di chi è sospeso tra cielo e terra, di chi si aggrappa alle nuvole dei ricordi.

Pagine uniche, perché la memoria non sia offuscata dal tempo, perché donne rare che camminano controvento siano omaggiate e perché si può imparare ad affrontare scalate impervie anche per esperti: un passo dietro l’altro con ostinata volontà.

Le mani sulla roccia, il volto fiero rivolto verso l’alto e la forza di trattenere, malgrado le nuvole in cielo, la sensazione di superare ogni e qualsivoglia avversità.

 

 

 

2 commenti

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: