AttualitàPolitica

La Lega incontra gli esperti di agricoltura e sanità

Si è tenuto, alla presenza dell’assessore Maria Zunato, del consigliere regionale Brunello Brunetto, del primario della pediatria di Savona dottor Alberto Gaiero, dell’assessore regionale all’agricoltura Alessandro Piana, del Senatore Francesco Bruzzone e dell’Onorevole Edoardo Rixi, un incontro tra esperti del settore per discutere di agricoltura e sanità.

“Ringrazio Maria Zunato, Edoardo Rixi e Francesco Bruzzone”, dichiara il proprietario di un agriturismo, “e voglio dire all’assessore Zunato che il mercatino dei produttori del mercoledì a Savona ci permette di sopravvivere. La situazione è difficile ma la Lega è dalla nostra parte”.

Stessa soddisfazione da parte di Maria Zunato, assessore al commercio del comune di Savona :”Ringrazio tutti dicendo che la mia esperienza è a disposizione di tutti; lavoro con la Cia e la Coldiretti ed i percorsi per l’agricoltura che intendiamo proporre sono molti importanti. Ai giovani voglio ricordare che con il nostro sapere cresceranno e bisogna dire le cose con chiarezza e trasparenza ed il partito dev’essere trasparente al suo interno; il nostro lavoro a Savona è molto importante ma spesso non è compreso e le situazioni devono essere riviste per cui i percorsi non possono essere uguali per tutti ma tutti devono essere gratificati per il loro impegno. Ringrazio Edoardo Rixi perchè mi ha permesso di fare alcune esperienze di lavoro nel settore pubblico e mi sento di dire che amo l’agricoltura; io sono a disposizione di tutti e felice di fare iniziative che permettono la crescita del territorio e delle aziende”.

“Il 27 ottobre mi sono insediato in consiglio regionale ed un mese dopo sono stato nominato presidente della Commissione Sanità, una bellissima opportunità”, afferma il consigliere regionale e medico Brunello Brunetto, “e mi sento di ringraziare Edoardo Rixi, Francesco Bruzzone, Sara Foscolo e Paolo Ripamonti. La mia esperienza medica è il punto forte di cosa vogliamo fare e cosa accade sul territorio nell’ambito sanitario è riconducibile a me; nulla dev’essere sottratto al nostro territorio e mi riferisco alla provincia di Savona. Lavoriamo molto, riceviamo molta gente ed il bisogno di comunicare è un problema; riguardo ai vaccini voglio dire che ci sarà una pianificazione ai primi dell’anno ma facciamo anche un progetto a lungo termine. Sono molto contento di vedere i giovani che portano avanti il partito e stimo molto il dottor Alberto Gaiero, persona onesta e dedita al lavoro”.

“Il progetto Ospedali Dipinti è il risultato di un concorso che riguarda un progetto di accoglienza e la prima parte è sostenuta con i fondi derivanti dalla vincita del concorso”, sottolinea il primario del reparto di pediatria dell’ospedale di Savona dottor Alberto Gaiero, “e la Croce d’Oro di Albissola farà da tramite per tutti coloro che vogliono sostenere questo progetto. Sono due gli aspetti importanti : il ricovero dei bambini è asettico e le pareti dipinte rendono la permanenza meno critica e più accettabile ed ha in sè un significato prospettico di ottimismo per la ripresa; ad oggi i bambini ricoverati sono assistiti da un solo genitore e possono uscire solo dopo aver fatto un tampone che dia esito negativo. Per questo motivo effettuiamo meno ricoveri possibile e per meno tempo; gli ospedali dipinti sono un segnale di ottimismo di cui beneficeranno i bambini del nostro territorio e le loro famiglie per trascorrere momenti di svago”.

“Sono stato eletto nella provincia di Imperia ma rappresento tutte le realtà agricole e l’agricoltura è la mia attività principale”, evidenzia l’assessore regionale Alessandro Piana, “e qualche giorno fa ho effettuato una videoconferenza con le realtà più importanti del settore. L’applicazione piena del PSR (Piano di Sviluppo Rurale) dev’essere a misura di territorio ed il mio predecessore, Stefano Mai, ha svolto un buon lavoro; abbiamo scritto le regole d’ingaggio del nuovo piano e non ci piace vedere che molti giovani non riescono ad ottenere i fondi di cui necessitano a causa di cavilli ridicoli. Vogliamo che i contributi possano arrivare sul territorio e per i prossimi 7 anni sono stati stanziati un miliardo di euro, cifra notevole per le nostre realtà, ma i fondi devono essere spendibili. Una delibera ha stanziato 277.000 euro per le aziende che intraprendono il percorso per ottenere la certificazione DOP, DOC ecc e sono convinto che la burocrazia, quella sana, sia necessaria”.

“Mi piace trasmettere la mia esperienza ai giovani perchè so cosa vuol dire crescere all’interno della Lega”, ricorda il Senatore Francesco Bruzzone, “e questo movimento, dal 1990 ad oggi, ha contribuito alla storia del nostro Paese; la Lega è da sempre vicina al territorio e valorizza le peculiarità di ogni zona. La Liguria è un punto di partenza per l’economia poichè il territorio permette lo sfruttamento turistico ed il prodotti tipici sono importanti; io interpreto l’ambientalismo della Lega che è diverso da quello degli altri movimenti poichè l’uomo vive nell’ambiente e quest’ultimo dev’essere mantenuto sano ed usato per le diverse specialità come la raccolta funghi e la bicicletta. Certe zone dell’Italia sono totalmente chiuse all’uomo e così facendo si sono degradate; il territorio è tutto per noi e dall’ambiente deriva una certa forma di economia che valorizza i prodotti e mantiene l’ambiente sano. Le attività svolte nella zona del finalese sono famose anche all’estero e la vera sfida è far capire l’uso corretto dell’ambiente dove è difficile farlo; l’importante è mantenere gli usi ed i costumi locali come l’albero di Natale ed il presepe e su questi temi abbiamo svolto importanti battaglie all’interno del Parlamento. I simboli di una cultura sana devono essere diffusi e rispettiamo le altre culture all’estero ma nel nostro Paese vogliamo che siano rispettate le nostre”.

“Alla fine della Seconda Guerra Mondiale in Italia non c’era più nulla ma solo la voglia di riscatto ed in questo momento difficile mi piace vedere i nostri giovani che fanno qualcosa. Nel Recovery Fund solo il 4% della spesa è destinato alla sanità e l’Italia sta diventando un mercato per altri paesi e chi reagirà meglio dopo la pandemia starà meglio; bisogna essere previdenti ma andare avanti e cosa si ha bisogna conquistarlo. Per noi è fondamentale avere l’appoggio della gente e saperla interpretare ma è difficile ed i media, che prendono ordini da Rocco Casalino, sono terrorizzati; le persone non possono fare rete per portare avanti le istanze poichè altri decidono delle nostre vite e nel caso dei ristoranti è stato chiesto di mettersi a norma per poi chiuderli poco dopo. Il Recovery Fund è importante e la parte sanitaria è stata tolta dal MES; l’Italia s’indebita per le spese correnti arricchendo i produttori di banchi con le rotelle. Durante l’udienza di Salvini a Catania sarebbe dovuto essere presente anche Conte ma non è andato e Toninelli ha dichiarato di non ricordare cosa ha firmato; con la scusa del Covid sono state limitate le nostre libertà personali e non è accettabile che il ministro Lamorgese firmi lo stanziamento per lo straordinario degli agenti deputati a controllare gli spostamenti di Natale e Capodanno. Bisogna difendere le nostre tradizioni che non devono essere cambiate per accontentare chi è appena arrivato in Italia poichè per questo motivo si sono combattute delle guerre; occorre stare uniti e tutti insieme. Alle regionali il risultato è stato ottimo ma non ci sono assessori regionali della provincia di Savona; la vera sfida per il 2021 sono le elezioni comunali di Savona dove c’è una situazione complessa e bisogna individuare un candidato sindaco, fare squadra ed aprirsi alla società civile. Il porto ha bisogno di rilancio ma bisogna lavorare per non perdere la città e sono consapevole che c’è molto da fare ma la cosa più importante è stare tra la gente”, conclude l’Onorevole Edoardo Rixi.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: