Cultura e Musica

Il Gesù Bambino dalle sette dita di Riva Ligure

Si custodisce, nell’oratorio di San Giovanni Battista di Riva Ligure, situato nel centro storico e risalente al XVII secolo, tra le altre opere, un notevole dipinto attribuito al pittore Jacopo Rodi di Montalto: “Natività della Vergine tra i santi Carlo Borromeo e Francesco“. Bellissimo lavoro, degno di affiancare le altre grandi “Natività” della pittura ligure, l’ affresco presenta una particolarità che non passa inosservata: la mano sinistra di Gesù Bambino ha sette dita.
L’architetto e studioso Giancarlo Marovelli denota che, nel passato, si erano scoperti casi di esadattilia ovvero di presenza, nella mano di un personaggio, di sei dita: nell’affresco di Casa Santi, nella casa natale di Raffaello, oppure ad Acuto in Ciociaria, nelle chiese in Val Brembana, notati da Massimo Centini che, nel libro “I segni delle Alpi: simboli, credenze, religiosità, miti e luoghi della montagna” aveva scritto: “Secondo una diffusa tradizione popolare chiunque nasca con più di cinque dita sarà molto fortunato e otterrà sempre degli ottimi risultati in qualunque campo si applicherà, nel bene o nel male…” Mai però si sarebbe notato, nella Pittura, un caso di eptadattilia, che renderebbe unico e , in qualche modo “misterico”, il messaggio nascosto nella tela: citiamo sempre Marovelli, per un’interpretazione affascinante della simbologia:”…il numero delle dita di Gesù esattamente sette; il significato è dato dal settimo giorno quando tutto fu compiuto, il Signore si riposò (Gn.2,2). Questo numero, rappresenta per la natura umana la massima perfezione, il giubileo della pace perfetta che si compone di sette settimane. Ma anche i sette spiriti al cospetto del trono di Dio (Ap.1,4), e i sette pani con cui Cristo saziò quattromila persone (Mt.15,34) significa la settiforme grazia dello Spirito Santo. Se sommiamo le dita delle mani di Gesù otteniamo il numero dodici, gli Apostoli, nel Vangelo: questi sono i nomi dei dodici apostoli (Mt.10,2). Questo numero indica anche la moltitudine di quanti giudicheranno insieme al Signore, il tutto ( Mt.19,28). Infine è manifestazione delle sette virtù del Cristianesimo: fede, speranza, carità, fortezza, giustizia, prudenza, temperanza.”
Tra le altre considerazioni sempre lo stesso studioso rammenta ancora: “La sommatoria delle dita delle due mani di Gesù da dodici, numero collegato ai segni dello Zodiaco e si riferisce al settenario, l’unione del ternario con il quaternario; dodici erano gli apostoli (Mt.10,2), dodici era il ciclo liturgico dell’anno composto da dodici mesi espresso nello zodiaco, ma indica anche la moltitudine di quanti giudicheranno il tutto (Mt.19,28). Nella Bibbia il 12 è la cifra dell’elezione della Chiesa con l’esoterismo e mistero del Graal racchiuso nella tavola rotonda del re Artù e dei suoi dodici cavalieri.”
A parte questa affascinante e profonda lettura ricordiamo il pittore di Montalto Ligure (Imperia), Giacomo Rodi, che fu molto attivo, per un quarantennio, nella diocesi di Albenga; negli edifici di culto del territorio ad essa pertinente sono presenti molte sue opere: per il suo stile improntato a plasticità ed a vivacità cromatica, Rodi può essere considerato un esponente espressivo, incline alla grandiosità, della pittura religiosa del Barocco ligure.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: