Attualità

Nuovi vertici alla ASL 2 Savonese e nelle altre aziende sanitarie liguri

Nuovo vertice per l’ASL 2, Savonese: direttore generale è, da oggi, Marco Damonte Prioli, cinquantaseienne, funzionario di lungo corso, già dirigente dei servizi informatici della Regione Liguria, direttore amministrativo della ASL n. 3 Genova, direttore generale della ASL n. Imperiese; l’attuale commissario straordinario Paolo Cavagnaro parte invece per La Spezia, dove dirigerà l’ASL n.5; sono stati nominati anche i nuovi reponsabili di gestione delle altre aziende sanitarie liguri, tranne che per l’ASL n. 3 dove rimane Luigi Carlo Bottaro.

Parte per Imperia, per dirigere la ASL 1, Silvio Falco, 59 anni, attalmente direttore di struttura complessa di Igiene degli alimenti e della nutrizione presso il Dipartimento prevenzione dell’ASL Torino 3, già direttore generale dell’Azienda ospedaliero-universitaria Città della Salute e della Scienza di Torino, direttore generale dell’azienda ospedaliera Ordine Mauriziano di Torino, direttore sanitario all’ azienda ospedaliero-universitaria S.Luigi Gonzaga di Orbassano ed, azienda ospedaliera Ordine Mauriziano di Torino.

Salvatore Giuffrida, di Loano, è nominato direttore generale dell’ospedale Policlinico San Martino di Genova, di cui è , da due anni, direttore amministrativo; era stato direttore del personale alla ASL Finalese-Santa Corona, responsabile di area di Telecom Italia e dirigente di Liguria Digitale  con  Enrico Castanini.

Paolo Petralia, 55 anni, direttore generale dell’Istituto Gaslini, presidente e direttore dell’Associazione ospedali pediatrici italiani, dirigerà la ASL 4 Chiavari.

Nel provvedimento di nomina vengono inoltre istituiti un Comitato di coordinamento e gestione del sistema sanitario regionale presso il Dipartimento salute e servizi sociali ed un Dipartimento interaziendale regionale (DIAR) di Infettivologia, assegnato alla direzione di Matteo Bassetti, oggi direttore della Clinica di Malattie Infettive del Policlinico San Martino.  Viene infine dato mandato al Presidente Toti di costituire un Comitato strategico di indirizzo per studiare e proporre linee guida e indirizzi per una generale riorganizzazione e riforma del servizio sanitario regionale.

Il presidente della Regione Liguria,  Giovanni Toti, ha oggi comunicato le nuove nomine, in conferenza stampa, così esprimendosi sulle scelte operate: ““La sanità ligure ha fatto in questa pandemia uno straordinario lavoro  sapendo rispondere per capacità, efficienza, umanità e coraggio al livello delle migliori regioni d’Italia. Abbiamo deliberato la nomina dei nuovi direttori generali delle Asl e del Policlinico San Martino, quest’ultimo, trattandosi di un Irccs, d’intesa del Rettore dell’Università di Genova e sentito il ministro della Salute Speranza: è una squadra che valorizza i talenti liguri, perché nelle nostre aziende ci sono figure nate e cresciute all’interno della nostra sanità e credo che sia un’iniezione di fiducia anche verso il mondo della sanità, in grado di produrre straordinari professionisti. Creiamo anche una cabina di regia per una gestione più collegiale del mondo sanitario, introducendo anche la presenza fissa di Liguria Digitale come elemento di stimolo verso un processo di digitalizzazione di cui abbiamo sempre più bisogno”.

Sul versante sindacale, accoglienza favorevole da parte di Mario Ghini, segretario generale Uil Liguria, che così si è espresso:

Oggi è arrivata finalmente l’ufficialità sulle nomine dei direttori generali delle cinque ASL della Liguria. Lo abbiamo sempre ritenuto utile e necessario e lo abbiamo sostenuto quando il presidente Toti ha tenuto per sé la delega alla sanità: oggi lo condividiamo e apprezziamo ancora di più questo passaggio fondamentale per i cittadini e i lavoratori della sanità della Liguria.

La Uil della Liguria ha sempre sostenuto l’inadeguatezza della gestione dell’emergenza pandemica da parte di ALISA, dovuta al pressappochismo e all’impreparazione di chi la guidava. ALISA è stata portata – di fatto – ad essere una costosa e confusa sovrapposizione all’interno del sistema sanitario ligure, invece che  ente strumentale della Regione in grado di fornire un contributo aggiuntivo e specialistico al Dipartimento Salute e Servizi Sociali della Regione Liguria nella guida della complessa macchina.

L’obiettivo di far rientrare ALISA in un contesto più organico, piace alla Uil che ne condivide lo spirito e la necessità. Proprio per questo apprezziamo la scelta di nominare a commissario a tempo l’attuale direttore generale della salute e servizi sociali della Regione Liguria Francesco Quaglia, al quale rinnoviamo i complimenti e gli auguri di buon lavoro insieme a tutti i direttori nominati  oggi“.

 

Immagine da Riviera Time News

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: