Le Cose Belle di Milvia Tardito

Un racconto che sembra una favola a lieto fine

La mia rubrica L’Ecosebelle nasce per veicolare la paura, la sofferenza e la cronaca odierna che da molto tempo stiamo affrontando e leggendo, verso “piccole notizie” che scaldano il cuore, lo rinfrancano… insomma… spiragli di ilarità!
Questa Cosa Bella è successa a Roma, un pomeriggio piovoso di pochi giorni fa.
Raffaella è sull’autobus insieme al marito e, alla fermata, si accorge che una signora, non più giovane, ha serie difficoltà a scendere. Così si offre di accompagnarla a destinazione, ma ci mette poco a capire è straniera, in difficoltà, fa confusione, e probabilmente è smarrita. Insieme al marito decidono di chiamare il 112 e di aspettare, nel contempo, parlando ed accudendo con l’ombrello e con il cuore la signora, che, scoprono, è Eritrea. Qualche parola, un ombrello teso sulla testa di un corpicino esile e bagnato e tanta empatia da parte di questa coppia. Ma riescono a fare molto di più. All’arrivo delle forze dell’ordine, queste stesse pensano sia una senza fissa dimora e chiamano l’ambulanza. È Raffaella che convince la signora a salirvi, non prima, però, d’avere il lampo di genio di chiamare un amico eritreo del figlio il quale le parla e dialogano per un po’, nella loro lingua. Il marito, nel frattempo le scatta una foto, che invia all’amico del figlio.
Due ore dopo, oltre a sapere che questa signora si chiama Rosy e soffre di Alzheimer, Raffaella riceve una telefonata dal ragazzo eritreo. Lui stesso, divulgando la foto nella comunità, è riuscito a trovare i parenti che sono già in viaggio verso il Policlinico.
Ecco, io non lo so come era vestita Rosy, e neppure Raffaella, ma la mia fantasia immagina una strada romana, un impermeabile, un ombrello a pois lilla e questa coppia, a braccetto che “raccoglie” lo smarrimento e l’anima di questa signora, e questa è una licenza che lascio al mio fervido immaginare. Dii reale, anche se non l’ho visto con i miei occhi ma ne ho assaporato l’essenza quando ho letto il post su Facebook, c’è la grande umanità, l’attenzione e IL TEMPO. Quello che ci scappa dalle mani, prezioso, e che quasi mai regaliamo a nessuno, figuriamoci per strada, ad una sconosciuta! Questa è una cosa bella. Bellissima. Come, immagino, sarà stato il sorriso dei parenti per la lieta fine di questa storia metropolitana, arrivata qui, in fondo al cuore, nel mio paesello di 3000 persone. Raffaella, se non ce l’hai, l’ombrello con i pois lilla te lo porto io, e ci disegnamo sopra, con un indelebile rosso, un cuore grande: il tuo. Brava!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: