Attualità

Il Convento dei Cappuccini va salvato

Si mobilita un Comitato per mantenere il convento dei Frati Cappuccini alla Villetta e non perdere un sito caratteristico e insigne del nostro capoluogo di provincia. Così si esprimono i  volontari del comitato a difesa del convento di via San Francesco, con una lettera aperta indirizzata ai Frati Cappuccini di Savona, all’Ordine Frati Minori Cappuccini Liguria, alla Diocesi di Savona-Noli, all’Arcivescovo della Diocesi di Genova e al Sindaco di Savona, Ilaria Caprioglio:

“Le sorti di un’altra struttura storica della città di Savona sono appese a un filo. Tutti conoscono il convento dei frati Cappuccini di via San Francesco alla Villetta, un edificio che sorge da cinquecento anni sulle alture di Savona, circondato da uliveti, giostrine per bambini e aree verdi con orti e uliveti. Negli anni i frati si sono dedicati ad attività sociali, alle messe del quartiere, a servizi di doposcuola e catechismo, alla mensa per bisognosi e alla cura dell’intera area, aperta a tutti coloro che vogliono godere di una piacevole sosta nel verde”

“Nel convento attualmente vivono 5 persone che, anche se poche, svolgono tutte le attività sia dal punto di vista spirituale che sociale. Oggi, come nel 2008, questa struttura è a rischio di chiusura e come allora molti interrogativi vengono alla luce: i savonesi temono un bis di quanto avvenuto in passato con il parco del Seminario, trasformato in box per privati. Pensiamo che questa non sia la motivazione per la quale i responsabili dei Cappuccini liguri intendano chiudere la struttura, ma qualche interrogativo resta”. 

“Un gruppo di volontari savonesi affezionati ai frati e alla struttura si è attivato per una raccolta firme. A gran voce i cittadini chiedono agli enti di attivarsi affinché ne evitino la chiusura e agli organi religiosi di rivisitare una decisione che porterebbe a chiudere nel nostro territorio un altro convento, votato da secoli al servizio dei cittadini e della città di Savona”.

L’Ordine dei Frati Cappuccini – Ordo fratrum minorum capuccinorum, sigla: O.F.M.Cap. , uno dei tre ordini mendicanti della Famiglia Francescana, venne fondato nel 1525 su iniziativa del marchigiano Fra Matteo Serafini da Bascio, nel clima di fermenti di riforma della Chiesa e di ritorno alla purezza della predicazione di San Francesco, ed approvato nel 1528 da Papa Clemente VII con la bolla “Religionis Zelus“. I primi Cappuccini giunti a Genova, pochi anni dopo la fandazione, oltre a prestare servizio presso gli ospedali, erano dediti alla predicazione, e proprio a seguito dello svolgimento di tale ministero  a Savona, da parte di Padre Liberio, la popolazione locale  chiese di poter avere un convento. A tale fine, nel 1539, un Patrizio savonese mise a disposizione un terreno, estendentesi sul declivio della collina alle spalle della città, dove si trovava, da moltissimo tempo, una cappella dedicata a S. Giuseppe, poco lontana da un monastero di Certosini. Ben presto il convento assunse importanza: vi si ospitarono i giovani studenti e, per qualche tempo, anche i novizi. I numerosi religiosi di passaggio, provenienti dal mare e dall’entroterra, erano ospiti del convento, che dovette perciò essere trasformato e ingrandito. I lavori vennero iniziati nel 1610 e la chiesa già eretta  fu demolita per essere ricostruita. S. Lorenzo da Brindisi (1559-1619), uno dei più illustri esponenti dell’Ordine, dottore della Chiesa, visitò il convento  durante il suo mandato provinciale  in Toscana. A seguito della soppressione degli Ordini voluta da Napoleone nel 1810, il convento venne chiuso ed i frati cacciati ; vi ritornarono, però, trovandolo devastato, nel 1816 , Venne di nuovo soppesso nel 1866 e divenne proprietà del Comune ma di nuovo risorse a nuova vita , per merito di Fra Diego da Santa Giulia e per munificenza del benefattore Giovanni Bottaro e, nel 1894, ritornò ai Cappuccini. Sino al 1969 ospitò lo Studentato di Filosofia e per pochi anni il Noviziato. Attualmente, dopo una nuova, ampia  ristrutturazioneè stato adibito a casa di accoglienza per «esercizi spirituali».

 

Immagine da sito dei Frati Cappuccini  Liguria.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: