Le interviste de L'Eco

Il grido di Ruggero Pellicciotta: “Noi ristoratori ci sentiamo abbandonati”

Il titolare della pizzeria "Pizza de Fuego" lancia un grido d'allarme, la sua pizzeria rischia di tirare giù le serrande a fine mese

Il COVID-19 continua a lasciare strascichi e la situazione non accenna a migliorare. La Liguria dal 17 gennaio è tornata in zona arancione e ciò ne consegue la chiusura di bar e ristoranti 7 giorni su 7 con la sola possibilità di effettuare l’asporto. I ristoratori continuano la loro personale battaglia per tutelarsi e chiedono a gran voce aiuto, è il caso di Ruggero Pellicciotta titolare della “Pizzeria de Fuego” di Vado Ligure: “La situazione è tragica non c’è molto da dire. Noi ristoratori penso che siamo tutti sulla stessa barca, chi ha deciso che dobbiamo fare solo l’asporto purtroppo non si rende conto che ci sta mettendo in una condizione complicatissima. Purtroppo non ci arrivano aiuti dallo stato, la cassa d’integrazione non ci è stata data e noi, avendo aperto l’attività lo scorso luglio, non abbiamo diritto a molte sovvenzioni.

Le spese ci sono ma non riusciamo a pagarle, purtroppo a fine mese siamo destinati a chiudere non avendo alternative. Siamo disperati e non vediamo la luce, è un momento difficile per tutti lo capisco ma così non si può continuare ci sentiamo abbandonati”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: