Economia

Ponente ligure senza Inter-City: cessa il servizio di Thello

La Liguria sta per ricevere un duro colpo sul versante delle comunicazioni ferroviarie: dal primo di febbraio veranno soppressi i treni “Thello”, che svolgono il servizio di “Inter-City” sulla percorrenza Milano-Nizza-Marsiglia. Questo accade alla vigilia dell’atteso completamento del raddoppio ferroviario verso Ponente che riguarda i ventisei chilometri tra Finale ed Andora, progetto compreso nelle opere di cui si chiede il finanziamento da parte del “Recovery Plan” europeo.

La decisione era già stata annunciata alla fine della scorsa estate da parte del ramo dei ferrovieri – cheminots- del sindacato francese “Cfdt” – Confédération française démocratique du travail -, che aveva denunciato che  Thello  “si appresta a cessare l’attività dei treni Eurocity diurni iniziata nel 2014 e costituita da 3 treni giornalieri, andata e ritorno, tra Marsiglia/Nizza/Milano”.“ Trentotto lavoratori francesi – ma comunque in gran parte  italiani di cittadinanza- sarebbero per questo a rischio e l’Italia non li vuole.
Thello – società controllata al 100% da Trenitalia – venne costituita il  il 15 febbraio 2010 come joint venture tra il gruppo Ferrovie dello Stato Italiane e Veolia Transport Rail SAS – Società francese specializzata nel trasporto pubblico, diffusa in n28 Paesi, cessata nel 2013 per incorporazione -.

Si è levata una voce corale, che unisce le Segreterie regionali Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl Ferrovieri, Fast e Orsa, a chiedere soccorso per i danni che derivano da quanto Thello ha messo in calendario, che si è manifestata con una lettera congiunta al Presidente della regione Liguria,  Giovanni Toti, all’Assessore ai trasporti Gianni Berrino, del seguente tenore:

“Abbiamo avuto notizie che dal 1 Febbraio i treni Thelló nella tratta Milano Nizza verranno soppressi. Queste soppressioni si aggiungono alle altre già effettuate a Dicembre creando un vuoto tra Milano-Genova-Ventimiglia e viceversa. Ricordiamo che prima della istituzione della società Thelló, tutti i treni erano IC inseriti nel Contratto di Servizio con il MIT e che per far entrare la allora nuova società THELLÓ furono tolti dal Contratto. A distanza di anni la Liguria ritorna nell’isolamento per cui per tanti anni la politica locale si è battuta, soprattutto in una tratta come la Milano Genova e tutto il ponente Ligure. Chiediamo pertanto che le istituzioni in indirizzo, che siamo certi abbiano a cuore il futuro del trasporto nella nostra regione, si facciano parte attiva presso il MIT affinchè tutti i treni Thello finora soppressi vengano inseriti nel Contratto di Servizio e trasformati in IC, altrimenti la realtà sarà quella di avere una Liguria spaccata in due, con un Levante ben servito e un Ponente nell’isolamento, già penalizzato dalle precedenti soppressioni”.

L’ Assessore Berrino ha così replicato alla nota:  “Siamo in attesa di una risposta che auguro sia il più sollecita possibile perché questa coppia di treni in meno è un danno notevole per i pendolari. Regione Liguria è da tempo al corrente della situazione relativa ai Thello: ho chiesto molte volte al Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture di attivare dal 1° febbraio un’ulteriore coppia di collegamenti Intercity Milano-Ventimiglia in sostituzione di quelli soppressi. Inoltre l’amministratore delegato di Thello Roberto Rinaudo ci ha scritto lo scorso 18 gennaio spiegandoci i motivi, di natura economica, della soppressione. È una situazione che mi preoccupa perché i treni che da febbraio resteranno in circolazione – il 139 con partenza da Nizza alle 7.57 e il 159 con partenza da Milano alle 15.10 – comunque non possono soddisfare la domanda di servizio in Liguria”.

Le comunicazioni ferroviarie liguri vanno in sofferenza per le alchimie di Trenitalia e con esse i pandolari, il turismo, per quando si risolleverà dopo le chiusure dovute al “Covid”, l’economia, la promozione del traffico ferroviario.

Davvero non ci sono parole, come si suol dire e solo i fatti, come il completamento del raddoppio, serviranno a ripensare alle conseguenze che aver destinato il percorso ferroviario di Ponente a “linea secondaria”, di cui il rinvio continuo della realizzazione del raddoppio è tra le prime cause,  ha comportato e comporta!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: