Attualità

Alassio: sostegno alle famiglie, un nuovo avviso per i Buoni Spesa

Money concept
Prosegue l’attività dell’Amministrazione Melgrati Ter a sostegno delle famiglie messe a dura prova dagli effetti delle limitazioni imposte dalla normativa anti-covid.
“Il peso della crisi economica derivante dai vari DPCM – commenta Giacomo Battaglia, Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Alassio – si è fatto sentire sulle nostre famiglie e come promesso, dopo i bandi e i sostegni erogati nello scorso mese di dicembre, stiamo cercando di avviare nuovi percorsi di aiuto. Con alcuni fondi residui abbiamo quindi aperto un nuovo avviso di Buoni Spera che vogliamo riservare a chi non vi ha avuto accesso nel dicembre scorso.
“I cittadini in difficoltà economica a causa dell’emergenza sanitaria e che non hanno ricevuto i buoni spesa nel mese di dicembre 2020- si legge nell’avviso pubblicato sulla home page del Comune di Alassio – potranno presentare domanda per ottenere delle card prepagate per fare la spesa”. L’avviso scadrà il 15 febbraio e fino ad allora potranno essere presentate le istanze.
“Ancora una volta – aggiunge Battaglia – corre il dovere di ringraziare gli uffici per il grande lavoro svolto durante tutto il 2020. Il Servizio Politiche Sociali si è  ritrovato a gestire numerose problematiche, alcune completamente nuove, altre già presenti, ma aggravate dall’emergenza legata al virus. Si è compreso fin da subito che occorreva sostenere le fasce di popolazione più fragili, non soltanto recependo le indicazioni arrivate dal livello centrale, ma anche ripensando e riorganizzando i servizi.  Quotidianamente l’Ufficio Politiche Sociali ha registrato richieste di aiuto economico e non solo,  evidenziando situazioni di grave difficoltà e sofferenza da parte delle famiglie da cui la decisione in collaborazione con l’intera amministrazione di ridisegnare il bilancio comunale per gestire le situazioni che di volta in volta venivano a crearsi”.
Di seguito un breve riassunto dell’attività svolta:
LAVORO DI RETE CON LA COMUNITA’ LOCALE
Si è proceduto con l’utilizzo di strumenti informatici per poter garantire forme di vicinanza alle persone , alle famiglie coinvolgendo attivamente la comunità locale. Sono state messe in campo numerose iniziative per rispondere alle impreviste necessità della popolazione innovando e rafforzando esperienze già presenti, modificando in maniera flessibile le modalità di intervento.
Nello specifico si citano i rapporti collaborativi con il terzo settore quale il volontariato, l’associazionismo, la protezione civile, le cooperative ma anche  la comunità locale tutta  che straordinariamente si è attivata in un’ottica di solidarietà mai vista prima. Nel periodo del lockdown è stata finalizzata la somma pari a € 4000,00 per contributi alla locale Croce rossa e Banco alimentare S.A.Bonadiman per l’acquisto di farmaci, generi alimentari e di prima necessità.
A fine anno con Deliberazione della G.C. n. 349 in data 22.12.2020 l’Amministrazione ha riconosciuto il consistente lavoro svolto in campo sociale nel periodo di emergenza sanitaria da parte di associazioni di volontariato e Pubbliche assistenze destinando € 24.800 euro a favore delle Associazioni cittadine.
Le assistenti sociali si sono occupate di rilevare i nuovi bisogni anche attraverso l’utilizzo di tecnologie informatiche quali le videochiamate in smartworking e di operare quotidianamente con il volontariato per portare la spesa a domicilio a 81  persone, i farmaci a 8  persone e  provvedere attraverso associazioni di animali quali “Accademia Kronos” e “Croce bianca progetto degli animali” alla cura e alimentazione per  13 cani e 8 gatti di persone ricoverate,  malate o senza più proprietario perché deceduto.  Alcuni commercianti, privati cittadini, associazioni si sono resi disponibili a donare alimenti, mascherine, materiale didattico, vestiti e il servizio politiche sociali ha provveduto alla distribuzione.
I procedimenti sono stati resi più snelli e flessibili a causa dell’emergenza, utilizzando email e compilando telefonicamente e con videochiamate dei moduli semplificati per accedere ai pacchi alimentari, la spesa  e i farmaci, approvati di volta in volta dalla Responsabile del servizio.
Le riunioni abitualmente effettuate in sede sono state trasferite online, apprendendo in poco tempo l’uso delle diverse piattaforme.
Il servizio di segretariato sociale è stato rafforzato costituendo un database di tutte le risorse pubbliche e private messe in campo nel periodo della pandemia e mettendolo a disposizione dei richiedenti aiuto. A titolo esemplificativo si citano le risorse online messe in campo quali:   sportelli psicologici di ascolto , call center regionali, sportello antiviolenza, ricette telematiche e gli aiuti sul territorio quali spesa sospesa, taxi gratuito, tavola del cuore (pasti), servizio di assistenza domiciliare con pasti, lavanderia, igiene persona, pulizia oltre alle numerose misure statali e regionali di supporto.  Le chiamate e le informazioni date dallo Sportello di cittadinanza e da tutti gli operatori delle Politiche Sociali sono state molto numerose.
Le persone più fragili, con problematiche mentali o anziane, sono state monitorate telefonicamente con continuità.
In questo contesto le tecnologie informatiche,  hanno  dato un supporto fondamentale nell’erogazione dei servizi, nella comunicazione, nella gestione dei flussi informativi e nella relazione con gli stakeholder, prefigurando migliorie nel processo complessivo di digitalizzazione.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: