Le interviste de L'Eco

Il sindaco di Albisola Superiore Maurizio Garbarini si racconta

Ogni sindaco deve affrontare, nel quotidiano, molte difficoltà e queste sono aumentate nell’ultimo anno a causa della pandemia da Covid-19 ma, nonostante ciò, i primi cittadini non si sono mai lamentati e sono andati avanti a testa alta continuando il loro lavoro. A raccontare la testimonianza del suo lavoro come sindaco sarà Maurizio Garbarini, primo cittadino di Albisola Superiore.

 

Un Suo breve curriculum

Svolgo da 33 anni la professione di geometra presso la provincia di Savona e mi occupo di viabilità e strade; nel 2009 ho iniziato il mio percorso politico come vicesindaco di Franco Orsi per due mandati occupandomi di lavori pubblici ed urbanistica. A fine mandato, nel 2019, con la squadra composta sia da persone che avevano già lavorato con me nei miei mandati precedenti sia da persone nuove, tra cui molti giovani, abbiamo deciso di fare una lista civica composta da tanti pensieri diversi e le urne ci hanno premiato portandoci alla vittoria, anche se con poco scarto, contro una lista di centrosinistra ed una del Movimento Cinque Stelle. Gli albisolesi hanno ritenuto di premiare il lavoro svolto negli anni precedenti dandomi fiducia ed io sarò il sindaco per cinque anni, fino al 2024; la partenza del mio mandato è stata dura a causa della mareggiata che ha messo in ginocchio i balneari e dell’alluvione del novembre 2019 che ha visto una crisi in tutta la provincia ma ha penalizzato soprattutto la frazione di Ellera con disagi a case, persone e viabilità. Abbiamo ricostruito dove necessario e rimesso a sistema la frana anche grazie ai finanziamenti provenienti dalla regione tanto che le persone sfollate, all’origine 51, ora si possono ricondurre ad una sola famiglia

 

Perchè ha deciso di candidarsi sindaco?

Mi sono candidato per senso di responsabilità e dopo dieci anni di lavoro come vicesindaco con molte cose fatte sono convinto che una mandato sia troppo breve per le opere a lungo termine; voglio finire cosa fatto negli anni precedenti e sono stato stimolato, in questo senso, da coloro che hanno compiuto questo percorso al mio fianco. Provo a governare la mia città anche se è difficile dopo emergenze importanti come l’alluvione ed il Covid ma ho accettato la sfida e porto avanti la situazione al meglio poichè amministrare circa 10.000 persone è un lavoro importante

 

Cosa significa per Lei essere sindaco?

Per me significa avere la responsabilità per far funzionare le cose nel territorio; questa carica per me significa aver voglia di dare un contributo, con la mia professionalità ed esperienza, affinchè le cose possano funzionare nel comune in cui vivo mettendo a disposizione la voglia di contribuire a migliorare Albisola. Mi sento in dovere di ringraziare la mia squadra di maggioranza per l’attaccamento ed il forte contributo che ciascuno di loro mi dà singolarmente per le diverse deleghe; ognuno porta avanti un progetto ed ho avuto la fortuna e la capacità di creare una squadra omogenea capace di arrivare ad un fine comune, migliorare la città. Il nostro progetto messo in piedi ha tra gli obiettivi la riqualificazione della città partendo dalle cose più visibili come il rifacimento dei marciapiedi e l’abbattimento delle barriere architettoniche e stiamo partendo con il progetto della videosorveglianza sul territorio; abbiamo inoltre partecipato a bandi per la riqualificazione delle strade e degli edifici pubblici, portiamo avanti il progetto che coinvolge la casa di riposo per il distanziamento sociale necessario per la pandemia e grazie a questo il nostro istituto è Covid-free e siamo stati i primi in provincia di Savona che ha vaccinato tutti gli ospiti contro il virus. Lavoriamo ad un progetto di mobilità sostenibile, abbiamo aperto e mappato nuovi percorsi ciclabili e sentieri in collaborazione con l’Alta Via dei Monti Liguri; sta prendendo forma la riqualificazione urbana con una viabilità nuova e alcune aziende, tra cui alcuni supermercati, hanno aperto sul nostro territorio alcune strutture di vendita creando posti di lavoro per i cittadini. Il lavoro che abbiamo da fare è ancora lungo, abbiamo ancora tre anni e mezzo per governare e le idee chiare su dove vogliamo andare; è prematuro dire se mi ricandido ma gli stimoli ci sono sempre e voglio dire che siamo sulla buona strada

 

Cosa si sente di dire in merito alle decisioni del Governo per arginare la pandemia?

Come in tutte le cose si può fare meglio ma quando si è coinvolti bisogna trovare la soluzione migliore ed è difficile dare un giudizio su una cosa nuova; nessuno è preparato a dare e trovare soluzioni e le difficoltà sono le stesse in tutto il mondo. E’ difficile per chiunque governi ed il Governo non ha capacità di scelta immediata poichè la crisi governativa porta con sè ulteriori incertezze ma è necessario un confronto affinchè tutte le forze politiche adottino un sistema comune per aiutare il fabbisogno del Paese; vi è l’obbligo di salvaguardare le vite umane ma ciò non dev’essere un problema per le aziende e le attività commerciali. E’opportuno avere buonsenso e ognuno di noi deve portare il proprio contributo per aiutare la nazione a venir fuori da questa situazione disastrosa e disarmante

 

Una frase che la rappresenta

Non mollare mai perchè a tutto c’è una soluzione

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: