Le interviste de L'Eco

Il sindaco di Albissola Marina Gianluca Nasuti si racconta

Ogni sindaco deve affrontare, nel quotidiano, molte difficoltà e queste sono aumentate nell’ultimo anno a causa della pandemia da Covid-19 ma, nonostante ciò, i primi cittadini non si sono mai lamentati e sono andati avanti a testa alta continuando il loro lavoro. A raccontare la testimonianza del suo lavoro come sindaco sarà Gianluca Nasuti, primo cittadino di Albissola Marina.

 

Un Suo breve curriculum

Sono avvocato iscritto all’ordine dal 2003 e presidente del Consorzio delle Officine Solimano. Ho svolto l’incarico di vicesindaco di Albissola Marina dal 2009 al 2014 e sono sindaco dal 2014; sono sposato e ho due figli

 

Perchè ha deciso di candidarsi sindaco?

Dopo aver svolto l’incarico di vicesindaco a fianco di Nico Vincenzi, primo cittadino di Stella e in seguito qui ad Albissola Marina, ed essere stato designato da lui stesso come suo successore, mi sono reso conto che mi piaceva ricoprire questo incarico e ho deciso di candidarmi per il secondo mandato. Ritengo che dieci anni siano il periodo giusto per completare un ciclo amministrativo poichè alla fine del primo mandato ritenevo di aver lasciato le cose a metà; in due mandati, che durano dieci anni, si possono completare le cose più lunghe e si vede la città che il sindaco ha in mente creando un’identità. In questi ultimi anni si è ritornati a prediligere la necessità delle competenze amministrative rispetto alla novità

 

Cosa significa per Lei essere sindaco?

Per me è un’esperienza bellissima ed ho decisa di farla perchè mi piace; le difficoltà sono molte e la responsabilità è grande, a volte troppa, soprattutto nei piccoli comuni dove il primo cittadino è molto impegnato. Ho voluto questa bicicletta e ora devo pedalare. Alle elezioni del 2019 ero il solo candidato sindaco ad Albissola Marina ma spero sia un caso isolato poichè più voci sono importanti per la democrazia e più si hanno occhi critici meglio è; il 2020 è stato un anno assurdo visto che i progetti politici sono passati in secondo piano ed occorrono stimoli ed entusiasmo per ripartire ma troppo spesso vedo rassegnazione negli occhi dei cittadini

 

Cosa si sente di dire in merito alle decisioni del Governo per arginare la pandemia?

Tutti navigano a vista e nessuno ha la ricetta migliore; siamo stati travolti dalla pandemia ma il Governo ha reagito bene rispetto ad altri Stati ed ora mi aspetto un pò più di precisione e puntualità nelle scelte poichè alcune categorie come bar e ristoranti devono avere certezze. Occorre avere maggiore programmazione visto che abbiamo la disponibilità dei dati e delle evidenze per una programmazione a medio termine; sono consapevole che tutto ciò sia difficile ma vi è il bisogno di norme più certe per tutti, famiglie, giovani, scuole, attività di ogni genere

 

Una frase che la rappresenta

Dobbiamo avere più pazienza

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: