Sport

Quando la sconfitta inizia molto prima dell’evento

Con la cocente e sonante ennesima sconfitta subita dai rossoblù nella quindicesima di campionato ( un secco 3 a 1 che poteva assumere proporzioni ben più pesanti incassato dai nerostellati del Casale avanti solo di due punticini in classifica e che erano riusciti a mettere insieme solo 8 reti in tutte le precedenti gare) si è definitivamente conclusa la scellerata avventura del Direttore Sportivo Davide Sonetti in terra vadese.Nei sette mesi di attività in seno alla società del glorioso club quello che è stato definito come un rapporto di collaborazione terminato amichevolmente e consensualmente ( pare che precedenti dimissioni fossero state respinte e che si stesse proseguendo a sopportarsi da separati in casa tanto da non dare adito all’opinione pubblica di dissapori interni destabilizzanti) ha maturato un ultimo posto conseguenza  della striscia negativa consecutiva di risultati peggiore d’Italia ( un punto,uno, in 10 partite sui 30 disponibili)e di tutti i tempi per i colori nobili di una società dilettantistica stimata ed apprezzata a livello nazionale (comprensivo della peggior difesa per reti subite e dell’attacco meno prolifico per reti fatte, tanto per non farsi mancare niente). Il peggio del peggio si farebbe prima a dire. E pensare che il “giovin signore” di belle speranze era stato presentato in pompa magna preceduto da una campagna promozionale degna veramente di un “top”. E allora spazio all’enfant prodige, al novello riformatore stile Renzi con tanto di licenza di rottamare o meglio distruggere le inutili e fuori moda “bandiere”, ma soprattutto con carta bianca sul mercato sia a livello di budget da spendere che a livello di potere pieno di ingerenza sul come costruire sul piano tecnico una squadra “monstre”.Gli abbagli, le topiche, i colossali errori di valutazione non si contano e sono quelli che evidentemente hanno trascinato il Vado in questa tragica e paradossale situazione. Giudicando a mente fredda opto per un “concorso di colpa” adottando il gergo dei sinistri automobilistici. Da una parte tanta inidoneità al ruolo ( i successi del Ligorna giunto alle finali play off portavano la firma di un grande condottiero quale è Luca Monteforte, sia ben chiaro) completata da altrettanta arroganza e spocchia, compensata dall’altra sponda dalla dabbenaggine di chi ha assunto l’improvvida e disinvolta decisione di assoldarlo alla bisogna. Un errore grave che porterà a conseguenze non estinguibili con il mero esonero (dorato, fra l’altro, a sentire i molti). E pensare che sin dall’inizio c’erano stati netti segnali di impreparazione messi a nudo già a partire dalle prime amichevoli (leggasi la mancanza di una punta centrale da doppia cifra tanto per fare un esempio) e che sono poi proseguiti ingigantendosi, con la presunzione (lì il personaggio non ha rivali) di coprirli con una serie infinita di alibi, lo sport preferito di quelli che nel genovesato da cui proviene si definiscono senza mezze misure “parolai”. Un valzerino fatto di continui “episodi negativi”, di arbitri novellini (ci riferiamo alla categoria dove si è forgiato l’interessato anche lì con esiti mediocri), di avversari troppo agonisti, sino ad approdare alla farsa del passo indietro del mister ufficiale a favore del vituperato “sciamano” Francomacaro in versione allenatore da trasferta.Si è giunti così al Conte ter con l’innesto dei “sudisti” Bernardini, Strumbo, Pedalino, Catapano procedendo sulla linea del “rimpiazzo a ripetizione” avulso da logiche strategiche mirate che altro non può e non potrà produrre che la mancanza di una identità tecnica, tattica e morale (vorrei dire anche “culturale” visto che spesso si ci riferisce alla filosofia di un club, anzi nel caso del Barcellona “mas que un club”) di una squadra votata a cedere mentalmente proprio quando occorre sputare sangue per la maglia. Anche gli ultimi ventilati presunti innesti nel reparto avanzato, accelerati dopo gli infortuni a raffica incassati tra cui quello del trequartista D’Agostino (sotto osservazione sino a febbraio a quanto si apprende), dell’ex biancoblù Matteo Saccà (classe ’94) mancino a piede invertito in un ipotetico e più propositivo 4-3-3 o quarto di ds in 4-4-2 più arroccato e della seconda punta siciliana Luciano Rabbeni, paiono movimenti di mercato non ispirati da una progettualità ben definita piuttosto che ben calibrati. Ed è qui dove volevo arrivare! Perchè se a partire da Legnano ( lombardi tosti ma abbordabili collocati a quota 19 anche se con recuperi da effettuare) sulla carta inizierà una nuova epoca, quella del dopo Sonetti per capirci, credo che il gap del Vado da colmare ( un fenomeno che si acuisce notevolmente in questa categoria a ridosso del professionismo) permanga e consti nella mancanza di competitività dello staff (tutti compresi, nessuno escluso) che per competenza, conoscenza ed esperienza non è attrezzato per poter affrontare adeguatamente la serie D.Di qui il titolo che ho scelto per questo articolo di approfondimento.L’approssimazione, l’improvvisazione e il pressapochismo attraverso cui filtra la qualità degli allenamenti è tale da poter invalidare anche le potenzialità di gruppi ben più accessoriati. Si spiegano così gli abbassamenti percentuali del trend di rendimento di giocatori che eppure si presentano con dei curriculum in ordine e del tutto onorabili, così come la non adeguata crescita (esplosione) dei giovani talenti più promettenti, così come la tendenza oramai statisticamente rilevabile e consolidata (le opinioni personali sono semplice fuffa) di seconde frazioni di gioco penalizzate da netti cali atletici. In sintesi il destino di questa stagione credo non potrà cambiare più di tanto perchè ancora una volta il taglio è stato dato al contorno ma non al cuore del problema.Torna alla mente la frase pronunciata dall’ambizioso nipote Tancredi al principe zio Salina nel Gattopardo di Tomasi Lampedusa : “Bisogna cambiare tutto per non cambiare niente” ( e nel Vado in fondo, in fondo, c’è qualcuno che volente o “dolente” è costretto a far sì che tutto rimanga come sia).Compresa la disapprovazione e l’impotenza di quanti sono ancora legati fedelmente ed appassionatamente ad una affascinante ed epica creatura (u Voaè) divenuta “giocattolo”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: