Economia

Alti e bassi nell’aperture delle imprese: è incerto se la pandemia ha influito

I numeri esposti da Unioncamere-Infocamere sulle imprese aperte e chiuse, in provincia di Savona, nel 2020, indicano 1.412 nuove aziende contro 1.487 che hanno cessato l’attività. .

Nell’anno appena trascorso, nell’area del Nord-Ovest d’Italia solo nelle province di Imperia e di Torino si registra un numero di nuove imprese superiore alle chiuse. Il censimento delle imprese delle tre regioni del Nord Ovest, indica che il loro numero è sceso al di sotto delle 600.000 unità. Il 31 dicembre i due Enti di stati servizi camerali ne contavano  599.875, e pertanto 1.359 in meno rispetto alla data corrsipondente dell’anno 2019: precisamente 426.314 in Piemonte, 161.349 in Liguria e 12.212 in Valle d’Aosta.

Una tendenza che non sembra dovuta o, quanto meno, accentuata in modo significativo dalla pandemia che ha afflito lo scorso anno, come finora affligge il 2021; sono anni che si parla di fallimenti, di chiusure che superano le aperture, non in tutte le annate, di durata media di meno di cinque anni per il 37,5% delle imprese e si espongono altri dati negativi correlati ad una situazione di crisi di lungo termine.  E comunque, nonostante la crisil’emergenza covid-19, su scala nazionale,  l’anno scorso sono state aperte 292.308 imprese mentre ne sono state chiuse 272.992 con un saldo positivo quindi di 19.316),  le iscrizioni sono diminuite del 17,2%. e le cessazioni sono a loro volta calate del 16,4% A fine dicembre 2020, in Italia, il numero  complessivo delle imprese esistenti ammonta a 6.078.031 unità. A Savona, Confartigianato espone un confronto di 101 imprese aperte contro 77 cessata e dichiarava, a novembre, che l’urto della pandemia era stato ben retto.

In Liguria, nel 2020, si sono iscritte alle Camere di commercio 7.362 attività mentre 7.748 sono state cancellate; la perdita dello scorso anno ammonta pertanto a 386 unità. In Valle D’Aosta nello stesso periodo ne sono state aperte 605 mentre 607 hanno  definitivamente chiuso; in Piemonte il rapporto è di 20.942  ditte che hanno iniziato l’attività contro 21.913 cessazioni con un saldo negativo di 971. Se ne conclude che  nel Nord Ovest, l’anno scorso, hanno cessato l’attività oltre 30.000 imprese.

Per ritornare alla Liguria, nell’imperiese le nuove iscrizioni sono state 1.219  e le cancellazioni 1.209, nel genovese  lo stesso rapporto è di 3.740 contro 4.054, nel savonese di 1.412 nel savonese a 1.487, nello spezzino 991 contro998. Per confrontare con le altre regioni e province del Nord-Ovest le nuove iscrizioni sono state 1.749 nell’alessandrino con2.102 le cancellazioni , 1.017  e 1.137 nell’astigiano, 631  e 766 nel biellese, 2.944 e 3.352 nel cuneese, 1.453 e 1530  nel novarese, 11.919 e 11.558 nella provincia di Torino , 564 e 667 nel Varbano-Cusio-Ossola, 665 e 801 nel vercellese. Come detto, solo le province di Torino e di Imperia,  sono giunte a fine  2020 con un risultato positivo: il capoluogo piemontese ha fatto segnare un aumento di 361 imprese e la provincia di Imperia di 10.

Considerando che tante comunicazioni di chiusura dell’attività pervenute al registro delle imprese negli ultimi giorni dell’anno vengono statisticamente conteggiate nell’ anno seguente, per avere una situazione chiara e per cercare di comprendere gli effetti della pandemia sulla vita delle imprese, occorrerà attendere i dati del primo trimestre 2021.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: