Rubriche

APPUNTI E DISAPPUNTI

Il 16 luglio 2019 veniva eletta (con 384 voti) Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, Ministro della Difesa del Governo della Germania. La soglia per l’elezione era di 374 voti, ma nella maggioranza che includeva popolari, socialisti e liberali, si era verificata la presenza di 75 franchi tiratori. Se non avessero votato a suo favore i 14 eurodeputati 5Stelle, Von der Leyen non avrebbe raggiunto il quorum di 374 e non sarebbe stata eletta.
Matteo Salvini era contrario alla nomina della von der Leyen e manifestò subito la sua irritazione affermando:
“È gravissimo il voto europeo. Von der Leyen passa grazie all’asse Merkel, Macron, Renzi, 5stelle. Avrebbe potuto essere una svolta storica: la Lega è stata coerente con le posizioni espresse finora, ha tenuto fede al patto con gli elettori e difende l’interesse nazionale”.
Per questo motivo e per divergenze sulla linea politica del Governo, l’8 agosto 2019 Salvini presentò un mozione di sfiducia verso il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, dando origine ad una crisi che culminò con le dimissioni del Governo “giallo-verde”, il 20 agosto 2019. La crisi di Governo si risolse il 5 settembre 2019 con la fiducia al Governo Conte bis, sostenuto dal PD, dal Movimento 5Stelle e da LEU.
Salvini, il quale aveva provocato la crisi nel convincimento che il Presidente Mattarella avrebbe sciolto le Camere ed indetto le elezioni ai primi del mese di ottobre, rimase basito quando il Capo dello Stato diede incarico a Conte di formare un Governo di cui facevano parte il PD, il Movimento 5Stelle e Leu, che in campagna elettorale si erano insultati sanguinosamente.
Matteo Salvini non si è più ripreso (politicamente) da quella sconfitta.
Io penso, senza mancare di rispetto al Capo dello Stato, che Sergio Mattarella, il quale è un cattolico praticante, non abbia molto in simpatia Matteo Salvini che usa, in campagna elettorale, i simboli più cari della Liturgia Cattolica per convincere gli elettori a votare per la Lega [ rectius “Salvini premier” la Lega oggi si chiama così]. Anche le gerarchie ecclesiastiche hanno stigmatizzato tali esternazioni.
Salvini aveva dimenticato l’antico proverbio popolare “scherza con i fanti, ma lascia stare i Santi” ed, evidentemente, non conosceva il motto latino “quos Iupiter perdere vult, dementat prius “ ( Giove prima fa impazzire quelli che vuol perdere). Anche per questi motivi ha fatto un errore storico facendo crollare il Governo di cui (quale Vice Presidente e Ministro degli Interni) deteneva la golden share, malgrado avesse avuto nelle elezioni del 2018 solamente il 17% dei voti.
Un po’ di giorni fa, Matteo Renzi ha tolto la fiducia al Governo Conte bis: allora ho riflettuto su quanto siano simili i due Matteo nazionali !
Salvini era il leader indiscusso del centro-destra ai tempi del “Conte uno” ed aveva raggiunto il 34% alle elezioni Europee del 2019. Dopo 17 mesi del Governo “Conte bis” i sondaggi danno la Lega attorno al 23% ed è insidiato dal Partito di Giorgia Meloni, in constante crescita.
Matteo Renzi Presidente del Consiglio e Segretario del PD, aveva portato il Partito Democratico a superare il 40% nelle elezioni Europee del 2014. Lasciò la Segreteria del PD, quattro anni dopo avendo ottenuto alle elezioni politiche del 2018 un misero 18%. Oggi il suo Partito, Italia Viva, è dato nei sondaggi pericolosamente vicino alla soglia di sopravvivenza del 3%.
Il premier dimissionario Giuseppe Conte, subito dopo l’uscita dei membri del Governo facenti parte del gruppo di Renzi, ha cercato di trovare i senatori sufficienti a formare un gruppo senatoriale di almeno 15 membri che sostituisse Italia Viva nel sostegno al Governo. Coordinatore di questa azione era l’on. Bruno Tabacci ex Demcristiano, attualmente membro del “Gruppo  Misto – Centro Democratico – Italiani in Europa” della Camera dei Deputati, cui è iscritto dal 3 aprile 2018. Bruno Tabacci che è un grande conoscitore delle “transumanze” *) parlamentari, pareva in grado di portare a Giuseppe Conte un numero congruo di senatori tale da assicurare al Governo Conte bis la maggioranza assoluta senza l’apporto di Italia Viva.
La manovra non è riuscita perché dopo le prime adesioni, inaspettatamente si bloccò tutto.
Mi sono a lungo chiesto perché la transumanza dei senatori dall’opposizione non abbia avuto successo.
I senatori presenti oggi in Senato sono 315 (oltre ai Senatori a vita), cioè meno 115 di quanto previsto dalla Legge sul taglio dei Parlamentari approvata l’anno scorso e confermata da un referendum. Con i collegi organizzati dalla legge elettorale esistente non è difficile prevedere (se votasse prima di cambiare la legge elettorale), per alcuni partiti, una ecatombe di Senatori. Secondo la stragrande maggioranza dei sondaggisti: i Senatori del Movimento 5Stelle si ridurrebbero ad 1/3 rispetto a quelli attuali; i Senatori di Forza Italia perderebbe la metà dei posti oggi assegnati e quelli di Italia Viva (essendo stati eletti nel PD con Segretario Renzi) rischiano di non entrare nessuno se Italia Viva non superasse il 3% dei voti nazionali.
Quindi era logico e comprensibile pensari che molti senatori fossero molto preoccupati di una campagna elettorale prossima e fossero desiderosi di traguardare, quanto meno,.la scadenza naturale della legislatura, cioè la primavera del 2023.
Gli Americani dicono che i tacchini non voterebbero mai per anticipare il “giorno del Ringraziamento”.
Che cosa ha bloccato la “transumanza” ?
Io non ho informazioni dirette. Ma penso che il Capo dello Stato abbia riflettuto sui rischi di sciogliere le Camere in piena pandemia ed a 5 mesi dal “semestre bianco” (che incomincia a luglio prossimo). Con un Parlamento appena eletto e senza avere alcuna certezza di stabilità i rischi per il Paese sarebbero stati enormi!.
I predecessori di Mattarella, specie Napolitano, Cossiga e Scalfaro, avrebbero previsto e gestito la crisi attraverso la predisposizione di piani alternativi.
Sergio Mattarella è troppo rispettoso delle regole e delle prerogative costituzionali per intervenire direttamente.
Io credo che, l’attuale Capo dello Stato, conoscendo bene i parlamentari, non abbia mancato di fare pervenire (informalmente) a chi di dovere la propria indisponibilità a sciogliere le Camere alla luce di queste temperie ed a far sapere che avrebbe, in caso di non composizione parlamentare della crisi attuale, a dare un incarico a qualche personalità al di sopra delle parti per dare vita ad un Governo del Presidente.
Questa mia illazione è confermata dalla notizia pubblicata questa mattina (domenica 31 gennaio) da alcuni quotidiani di alcune telefonate fatte dal Capo dello Stato a Mario Draghi.
La minaccia (informale) ha ottenuto tre risultati immediati: a) Forza Italia ha immediatamente parlato di disponibilità ad appoggiare un governo espressione del Capo dello Stato; b) Salvini dopo avere ribadito per dovere che la Lega è per le elezioni anticipate, ha poi precisato che , comunque “non faremo mancare i nostri voti, come abbiamo già fatto in passato, per provvedimenti che fossero utili per il Paese”; c) Renzi ha detto che non ci sono preclusioni su alcuno e Crimi a nome del M5S ha parlato di “…maggioranza che aveva sostenuto il Governo nell’ultimo anno…”.
Poi il Capo dello Stato ha incaricato il Presidente della Camera Roberto Fico, dandogli 4 giorni di tempo per verificare se un nuovo governo abbia i numeri nel due rami del Parlamento per Governare per il resto della legislatura. Mentre Fico sta lavorando, i giornalisti passano la giornata a chiedere a tutti se sono disponibili ad appoggiare un Governo Conte ter, invece di chiedere nel concreto quali sono gli argomenti più divisivi fra le varie forze politiche della ex maggioranza e quando si vedranno tutti assieme per appianare le divergenze.

(Lorenzo Ivaldo)

P.s. *) La transumanza è la migrazione stagionale delle greggi, delle mandrie e dei pastori che si spostano da pascoli situati in zone collinari o montane (nella stagione estiva) verso quelli delle pianure (nella stagione invernale) percorrendo le vie naturali dei tratturi.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: