Cultura e Musica

Andora, riapre Palazzo Tagliaferro

Già allestite le mostre -de-location con le sculture di Daniele Accosato

Il sindaco Mauro Demichelis con un'opera di Accossato

 Riaprono le sale espositive di Palazzo Tagliaferro. Nelle scorse settimane le sculture della mostra De-location di Daniele Accossato erano state mostrate a rotazione nei giardini del polo culturale andorese. Assessori e consiglieri comunali di Andora avevano postato selfie con le opere imitati da molti cittadini che sorpresi dall’insolita presenza in Largo Milano.

L’inaugurazione era stata fatta con una diretta su Facebook che aveva proposto una visita guidata. Con la zona gialla, già da oggi, ogni dal martedì al venerdì, dalle ore 15.00 alle 19.00, il pubblico potrà finalmente ammirarle nell’allestimento pensato da Viana Conti e Christine Enrile per le sale del Museo Mineralogico Dabroi. Non solo. Contemporaneamente, nel  Contemporary Culture Center, apre al pubblico la mostra “Looking Eastward importante esposizione internazionale di opere delle artiste Evelyn Bencicova , Elena Chernyshova e Rania Matar: tre donne, tre fotografe, di tre generazioni provenienti da differenti nazioni che si confrontano e dialogano attraverso la loro poetica e la differente modalità di osservazione e interpretazione della realtà attraverso l’utilizzo del mezzo fotografico. Ingresso libero, contingentato nel rispetto delle norme covid con possibilità di prenotare on line su www.palazzotagliaferro.it

Al Museo Mineralogico Luciano Dabroi in corso la mostra De-location opere di Daniele Accossato

propone le sculture dell’artista riproducenti alcune delle opere più note della scultura classica,  in una nuova veste a tratti anche dissacrante.  I soggetti scelti da questo talento emergente per la realizzazione dei suoi lavori sono archetipi, immagini simboliche che evocano in noi emozioni ormai interiorizzate. Angeli, guerrieri dalle fattezze mitiche, legati, imprigionati in gabbia, in casse di legno da trasporto- La profana mise en pièce da un lato sottolinea l’importanza del passato e della storia dell’arte, in qualità di sapere, di bagaglio culturale e perizia tecnica, dall’altro rappresenta l’azione quasi sacrilega della contemporaneità verso i valori antichi. Ma questo è solo il primo livello di lettura che cela altri intenti alcuni dei quali  potranno essere scoperti attraverso la visione in presenza delle opere. Le sale mostre del polo culturale saranno aperte nei giorni martedì, mercoledì, giovedì e venerdì dalle 15.00 alle 19.00 – ingresso libero, contingentato nel rispetto delle norme covid. Disponibile servizio di prenotazione on line su www.palazzotagliaferro.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: