Attualità

Liguria in zona arancione: le reazioni a caldo dei ristoratori

Arrivano le prime dichiarazioni a caldo di alcuni ristoratori savonesi che si vedono costretti ad abbassare le serrande delle loro attività per i prossimi quindici giorni, San Valentino compreso.

Nella serata di venerdì 12 febbraio è arrivata l’ufficialità che da domenica 14 febbraio la Liguria tornerà in zona arancione per quindi giorni. Tra le restrizioni, ormai note, c’è la chiusura dei ristoranti, un danno enorme che si va a sommare ad una situazione di per se già critica. I ristoratori vedono l’imposizione di chiudere le proprie attività nella giornata di San Valentino come un ulteriore affronto, una giornata di festa e di guadagno per loro si è trasformata in un incubo: “E’ difficile lavorare così, in queste condizioni. Non possiamo aprire per quindici giorni e poi chiudere per l’ennesima volta. Ora non ci fanno lavorare nemmeno a San Valentino, una giornata che per noi sarebbe stata importante a livello di incasso visto che in questo periodo stiamo faticando. E’ assurdo farci chiudere già da domani, lo trovo davvero una decisione insensata”, è quello che afferma Enzo Termine uno dei soci della pizzeria “Vesuvio” di Savona.

Anche Rosy Buonocore, titolare della pizzeria “Vecchio Borgo” di Zinola è esausta da questa situazione: “La parola giusta è destabilizzati. Non riusciamo più a fare un programma a capire quando fare la spesa. Questi repentini cambiamenti ci stanno affossando, non è modo di lavorare. Questi limiti sono disastrosi sembriamo sulle montagne russe due giorni lavoriamo dieci no, non riusciamo a capire come esercitare il nostro lavoro, come comportarci e non vediamo la fine del tunnel. Siamo il settore più colpito ma non possiamo fare diversamente combattiamo e non ci arrendiamo ma pretendiamo rispetto”

“E’ una cattiveria, non ci potete dire due giorni prima che a San Valentino saremo chiusi- afferma Ruggero Pellicciotta, titolare della pizzeria “Pizza de Fuego” anche perchè è una giornata importante per noi ristoratori a maggior ragione che domenica. Ci siamo già organizzati con spesa e quant’altro e ora chi ci rimborsa di questi soldi spesi a vuoto? nessuno! Gradirei che qualcuno ci rimborsasse le spese e i mancati incassi. Così non riusciamo più a lavorare, io solo con l’asporto non riesco ad andare avanti e non riesco manco a sopperire alle spese. E’ un disastro non posso aggiungere altro. Sono arrabbiatissimo”.

Anche Franco Ciocca, titolare dell’Hotel ristorante “Nazionale” di Savona è amareggiato: “Non ci sono troppe parole da dire. Ogni quindici giorni cambiamo colore senza certezze; l’unica cosa certa è questa: il covid 19 continua. Ancora una volta il nostro governo si è dimostrato poco carino nei confronti dei ristoratori; mi chiedo cosa sarebbe cambiato se avessimo chiuso i ristoranti lunedì 15 invece che domani? Abbiamo già fatto acquisti per San Valentino e ora che ne facciamo? Dobbiamo buttare tutto, ci vuole rispetto anche per noi e purtroppo fino ad ora non ne abbiamo ricevuto”

 

Anche Carlo Astengo, titolare del “Carletto Home Restaurant” e membro dell’associazione FIC (Federazione Italiana Cuochi) ci tiene ad esprimere i suoi pensieri post Decreto Ministeriale dando voce anche all’associazione di cui fa parte:  “Il meccanismo con cui viene emanato il DM per le fasi restrittive valevole dalla domenica e per le fasi “liberatorie” mette a dura prova tutto l’ambito della ristorazione e della somministrazione. Ci siamo confrontati come associazione e ad oggi non riusciamo a capire quale sia e quale possa essere il disegno nascosto di questo piano anti commercio che il nostro governo sta ponendo in essere a tutela della salute pubblica. Dimentica il nostro governo che la salute pubblica si fonda non solo sulla salute fisica ma anche su una salute mentale tanto da garantire all’individuo la sua solidità psicologica e sociale. Troncare così nettamente un settore d’eccellenza italiana nonché portatrice di ricchezza e costruttrice di posti di lavoro appare a tutta la nostra associazione e a me come elemento discriminante rispetto a tutte le altre categorie. Non esiste ad oggi nessuno studio scientifico che abbia avvalorato la tesi della possibilità marcata per estensione del virus all’interno delle imprese di ristorazione tanto da fare presupporre che queste chiusure alternate possono essere l’unica soluzione alla pandemia. E di sconforto e di ampio rammarico dover riflettere, su quale futuro possa essere determinato e determinabile per l’intero settore. Così come, la crisi economica per il mancato perdurare di incassi limiterà ampiamente la crescita occupazionale di tutto l’intero settore ad oggi uno dei pilastri della stessa economia occupazionale. E’ un grido questo di dolore che sappiamo ripercuotersi in maniera importante sulla attuale e sulle future generazioni, nonché sulla solidità psicologica di tutti i colori quali hanno passione nell’ambito alberghiero e ristorativo. Mi auspico che quanto prima il governo italiano possa verificare rileggendo i numeri dell’anno 2020 e del nuovo anno 2021 della crisi che settore assorbito e che si manifesterà in modo ampio e incisivo sulla realtà sociale del nostro paese. Non basta essere confortati dalla possibilità di debellare questa malattia con la chiusura dei nostri locali, noi dobbiamo essere confortati di poter continuare in una passione difficile e fisicamente pesante ma che ogni giorno alimenta il nostro cuore e le nostre speranze”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: