Attualità

RENATO GIUSTO ‘VACCINI IN RITARDO, POLITICI E VIROLOGI DA SALOTTO “

Arrabbiato, deluso, deciso ad alzare la testa per le tante cose che non funzionano nella sanità nazionale e regionale. Un grido di rabbia, di dolore e se vogliamo anche di impotenza quello che Renato Giusto, presidente regionale del Sindacato dell ‘Ordine dei medici sentenzia all  ‘Eco di Savona. Nessuno ne esce vincitore, ma di certo uno sconfitto lo si trova nel sistema sanitario pubblico :  “Persone sbagliate nel posto giusto, come amo sempre dire, hanno sfasciato un sistema sanitario nazionale e regionale che era un gioiellino. Come non ricordare l’ambulatorio dei codici bianchi ad esempio che sollevava gli ospedali da tanto lavoro. Gli inetti quelli che hanno gli occhi a forma di dollaro hanno pensato di distruggere tutto, piano piano, con una scellerata politica di tagli. Il nostro sistema sanitario non ha più retto e adesso ne vediamo le conseguenze  ” . La pandemia, da questo punto di vista, ha rappresentato la prova del nove con un sistema sanitario al limite del collasso. Ed anche sui vaccini la situazione risulta drammatica secondo Giusto ” Meglio che non dica quello che penso, ma sono incazzato nero. I vaccini, per colpa di gente inetta, di persone messe al comando di un Ministero dopo che fino al giorno prima erano dei signor nessuno, sono in grave, gravissimo ritardo. E sapete cosa rischiamo ? Che quando 10 milioni di italiani saranno vaccinati, chissà quando, i primi che si sono sottoposti alla vaccinazione saranno nuovamente scoperti. Altro che immunità di gregge”. Ma il colpo al cuore,  che denota tutta la rabbia e la delusione di Giusto, e’verso i virologi: “Ornai il lavoro di questi signori e’quello di apparire in tv, possibilmente in prima serata. Per loro non conta il covid  ma pubblicizzare il libro di turno da Fazio. Dicono il tutto ed il contrario di tutto, vergogna   “. Di questo passo la pandemia non si allontanerà facilmente, il bollettino dei  morti proseguirà.  ” Certo -conclude Giusto -ognuno deve contribuire. Troppi anziani che sono la fascia più a rischio vanno a zonzo tutto il giorno, e magari i giovani stanno a casa. Quindi basta passeggiate cari over 80. State  a casa e girate canale quando parlano i virologi

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: