AttualitàPolitica

Savona: valorizzazione del Teatro Chiabrera e riqualificazione di piazza Diaz

“Si tratta di interventi che ho fortemente voluto, nonostante le ingenti risorse necessarie, la complessità e i tempi lunghi della progettazione, al fine di restituire ai cittadini spazi pubblici, di enorme valore storico e culturale, efficientati e sostenibili in cui sviluppare la socialità” – così il sindaco di Savona Ilaria Caprioglio, nel corso della conferenza di presentazione alla città dei lavori di restyling della Sala Rossa di Palazzo Sisto sede del Comune.
Il progetto prevede di riscattare sul piano urbano e funzionale il binomio Teatro Chiabrera e Piazza Diaz, elementi indissolubili che vivono da sempre in sinergia e in uno stretto dialogo anche con una serie di capolavori dell’architettura del secolo scorso presenti al contorno, quali l’edificio delle poste a firma dell’architetto Narducci, il palazzo della Banca Popolare di Novara di Luigi Vietti e infine l’edificio polifunzionale per attività di culto e residenze posto a fianco del Teatro, progettato da Carlo Aymonino.
Una riflessione organica ed ampliata, che prevede diversi interventi riverberanti gli uni sugli altri, nell’ottica di riscattare e riattivare sia gli spazi interni del Ridotto sia quelli aperti della Piazza e delle aree circostanti, ora riconnesse tra loro.
Gli interventi sul Teatro sono mirati a valorizzare la Sala del Ridotto che viene messa in relazione sia con la galleria del quarto piano sia con la piazza, ritrovando la continuità spaziale originaria nell’auspicio di innescare rapporti virtuosi tra i diversi ambiti. Centrale è il tema dell’accessibilità e della funzionalizzazione per i quali sono previsti interventi reversibili, chiaramente identificabili e che non compromettono il bene architettonico storico ma bensì cercano un dialogo con l’esistente.
Il Ridotto diventa così lo spazio ideale per accogliere un caffè letterario, con spazi accessori di servizio e direttamente collegato alla città da un ascensore esterno.
Piazza Diaz è immaginata come una sala del teatro a “cielo aperto” ed il suo limite su via Famagosta è rimarcato da una sequenza degradante di vasche verdi attrezzate con sedute lineari, che assecondano il dislivello esistente e assumono il ruolo di un vero e proprio dispositivo “ambientale” che contribuisce in maniera significativa alla naturalizzazione delle superfici, alla riduzione dell’isola di calore oltreché a modulare e mitigare l’impatto delle acque meteoriche sulla rete esistente.
Sul lato opposto, in posizione soleggiata, è introdotta una fontana lineare a filo pavimento, sempre attraversabile, caratterizzata da una superficie in pietra e una serie di zampilli d’acqua temporizzati che diventa dispositivo non solo scenico ma attrattivo.
L’area centrale è caratterizzata da una pavimentazione in calcestruzzo architettonico con ghiaia a vista, così da conferire allo spazio un senso di naturalità senza tempo, spazio che viene poi scandito da un disegno in materiale lapideo che connette i due lati: da una parte le sedute lineari integrate nelle vasche verdi e dall’altro le sedute isolate che dialogano con la fontana e riattivano il rapporto con gli edifici circostanti. L’intervento di restyling avverrà grazie all’apporto di  Ire Spa e con i contributi del fondo strategico regionale per una cifra totale di 1 milione e 500 mila euro. Quasi tutti gli interventi saranno finanziati dal Fondo strategico regionale che riguardano la riqualificazione  edifici storici e di piazze.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: