Attualità

ARANCIONE E ROSSA ECCO L ‘ITALIA DI MARZO E APRILE

Senza attendere comunicati ufficiali e dunque al venir meno del mestiere del cronista possiamo iniziare con una certa ufficialità a spingerci a conoscere il destino del nostro Paese nei mesi di marzo ed aprile per quanto riguarda i colori delle zone. Ormai manca poco al 5 di marzo, data di scadenza dell’ultimo Dpcm targato Conte. I dati che ogni sera arrivano sul tavolo del Ministero della Sanita non sono incoraggianti, soprattutto per quanto riguarda i decessi. E questo pone a favore della linea dura del ministro Roberto Speranza se dell ‘ala più rigorista del Cts che proporrà al governo Draghi la zona arancione per tutto il mese di marzo sull  ‘intero territorio nazionale e la colorazione rossa nei festivi e prefestivi. Se il decreto avesse un’efficacia anche soltanto di un mese consentirebbe comunque di passare il periodo Pasquale con queste colorazioni evitando gli assembramenti in regioni come la nostra che rischierebbero, secondo questa interpretazione , un potenziale au ento dei contagi. Per tutto il mese sarebbe confermato il coprifuoco alle 22 e la chiusura di palestre e piscine. Questa linea di rigore, che ha un margine di attendibilità del 70% confermerebbe inoltre il blocco di spostamenti anche tra Comuni. Considerato però che il Governo si compone ora di diverse anime ecco invece l’opposizione a questi provvedimenti da parte di alcuni settori liberisti o aperturisti che però potrebbero rischiare grosso qualora un allentamento delle misure potrebbe pregiudicare il piano vaccinale. Un compromesso potrebbe essere dunque quello di lasciare gialle da lunedì a venerdì le regioni con Rt sotto 1 e far comunque diventare tutta la penisola zona rossa nei fine settimana. Anche la linea più aperturista digerirebbe comunque ancora il coprifuoco alle 22 e la chiusura di palestre e piscine. Questo il quadro attuale per la cui conferma ormai bisogna attendere soltanto qualche giorno

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: